• Articolo Londra/Seoul, 13 giugno 2012
  • Due leader energetici pronti per nuovi record

    L’accordo Corea-Uk potenzierà eolico e sfruttamento marino

  • E’ nata dall’impegno per l’eolico offshore e per lo sfruttamento di onde e maree l’intesa che potenzierà i rapporti energetici tra i due paesi

(Rinnovabili.it) – Eolico offshore e sviluppo dell’energia mareomotrice sono tra gli obiettivi dell’accordo stretto tra il Regno Unito e la Corea del Sud. I due paesi stanno pensando di andare avanti con i piani per stabilire una cosiddetta “UK-Corea Ocean Energy Technology Co-operation Project”, con l’obiettivo di cementare il loro status come principali mercati mondiali per le energie rinnovabili off-shore.

La IT Power per il Regno Unito e la Korea Maritime University hanno dato l’annuncio dell’intesa in occasione dell’annuale incontro RenewableUK Global Offshore Wind Energy Conference, attualmente in svolgimento a Londra, specificando la firma del contratto  che li lega anche all’Ambasciata britannica a Seoul. Il progetto, che emula un analogo accordo di collaborazione tra il Regno Unito e la Cina, si basa su un partenariato siglato all’inizio di quest’anno tra RenewableUK e la coreana Wind Energy Industry Association (KWEIA), che avrà lo scopo di promuovere i collegamenti tra le imprese e le istituzioni accademiche che operano in ciascun paese e contribuire ad una migliore coordinazione degli sforzi di ricerca nel settore energia.

Un portavoce della IT Power ha riferito che il progetto inizialmente vedrà la redazione di due relazioni che dovranno essere rilasciate entro la fine dell’anno in dettaglio la natura attuale del vento offshore e dei mercati dell’energia marina nel Regno Unito e nel Sud Corea. Le attività saranno inoltre supportate dalle relative ambasciate che seguiranno anche l’organizzazione di viaggi che permetteranno alla delegazione di Corea di visitare le imprese del Regno Unito per meglio comprenderne le attività e viceversa. Scott Wightman, ambasciatore Uk presso la Repubblica di Corea, ha detto infatti che il progetto dovrebbe contribuire a innalzare il profilo del Regno Unito come uno dei luoghi più importanti del mondo per gli investimenti verdi.

“[Il Regno Unito è] il più grande consumatore mondiale di energia eolica offshore e siamo in prima linea nello sviluppo di energia delle maree e del moto ondoso”, ha detto in un comunicato. “La diplomazia commerciale è parte integrante della nostra politica estera, e questo progetto dovrebbe portare a progressi reali nella cooperazione tra i nostri due paesi”. Il Regno Unito vanta attualmente la più grande potenza installata al mondo di energia eolica offshore con 1.8GW di capacità già online, più di 3 GW in costruzione o approvati, e 42GW pianificati, ed è anche sede di uno dei poli energetici più avanzati per lo sviluppo del comparto marino a largo della ovest costa della Scozia. Allo stesso modo, la Corea del Sud vanta 2.5GW di capacità eolica off-shore in fase di sviluppo nonché il record mondiale di capacità di energia dalle maree una volta portato a termine il completamento dell’impianto per lo sfruttamento delle maree di Siwha.