• Articolo Sidney, 8 ottobre 2012
  • Una comunicazione dell'AEMO

    L’energia australiana è green al 25%

  • Grazie soprattutto alla potenza eolica l’Australia sta aumentando la produzione di energia rinnovabile abbattendo i consumi di combustibili fossili

(Rinnovabili.it) – Dalle rinnovabili il sud dell’Australia ha ottenuto una produzione energetica pari al 25% del totale consumato, mentre l’Europa la scorsa settimana ha raggiunto i centomila MW. Un momento d’oro per le rinnovabili da un capo all’altro del mondo che aumentando fanno scendere il consumo di combustibili fossili, primo tra tutti il petrolio, in un territorio che per superficie equivale a due volte la grandezza della Spagna e ospita circa un milione e mezzo di persone.

 

Le stime del governo, ferme al 31 agosto 2012, indicano nell’area 1.203 MW di potenza green istallata in una quindicina di aziende agricole e, secondo i dati pubblicati la scorsa settimana dal gestore Australiano del Mercato dell’Energia AEMO, circa il 24% di quanto prodotto nel 2011-2012 grazie al vento deriva proprio dal sud Australia. Questo significa che ai primi di settembre fino al 55% di quanto consumato nella regione è stato prodotto dal vento, con un calo del consumo di carburanti fossili per la produzione di energia e delle emissioni nocive: Gli inquinanti, affermano le stime, rispetto al 2005-2006 sono infatti scesi di 27 punti percentuali.

Secondo i dati del GWEC alla fine del 2011 l’Australia contava l’istallazione di 2.224 MW eolici con la previsione che entro la fine del 2012 la regione del Pacifico raggiungerà i 3.400 MW.