• Articolo Belfast, 15 dicembre 2011
  • Un progetto della Crown Estate

    L’Irlanda apre le porte a 800 MW “rinnovabili”

  • Per aumentare la quota di energia verde del mix nazionale l’Irlanda del Nord ha dato il via libera all’apertura della gara che la Crown estate ha organizzato per 800 MW

(Rinnovabili.it) – La Crown Estate apre le acque dell’Irlanda del Nord alle rinnovabili e mette a disposizione una concessione per la costruzione di un parco eolico offshore e di un impianto per lo sfruttamento delle maree con una potenza di complessiva di 800 MW.

I 600 MW eolici verranno istallati a largo della costa di County Down mentre i 200 MW per lo sfruttamento dei flussi delle maree sarrno posizionati presso l’isola di Rathlin e a Torr Head. Le concessioni verranno affidate mediante gare separate durante le quali le società interessate potranno presentare le offerte, per poi consegnare i progetti la massimo entro il 2020. I nuovi contratti di locazione, che verranno assegnati entro la metà del 2012 hanno come scopo l’aumento dell’offerta di energia generata da fonte rinnovabile nel paese, con l’obiettivo, rivela la Crown Estate, di raggiungere la quota del 40% sulla produzione totale entro il 2020.

Il manifesto interesse del governo per la generazione di energia da fonte alternativa ha spinto il settore ad investire sempre di più nelle rinnovabili, viste anche le enormi potenzialità dell’Irlanda, dove soffiano venti di intensità notevole e le maree permettono una produzione significativa di energia come confermato anche dal ministro dell’Energia Arlene Foster.