• Articolo Washington, 12 aprile 2019
  • Mini-eolico: dall’esercito Usa il prototipo che cattura le brezze

  • Il corpo degli ingegneri dell’U.S. Army ha brevettato un nuovo sistema portatile per catturare anche i venti che soffiano sotto i 4 metri al secondo

mini-eolico

 

 

Flutter mallard è l’innovativo sistema di mini-eolico in fase di sviluppo presso il Construction Engineering Research Laboratory

(Rinnovabili.it) – Nessuna pala, navicella o torre: “Flutter Mallard“, il dispositivo di mini-eolico creato dell’esercito americano, non ha nulla delle tradizionali turbine ma promette di essere altrettanto utile. A crearlo è stato un team di ingegneri con l’obiettivo di realizzare un sistema portatile da campo per creare elettricità sfruttando l’energia dei venti a bassa velocità. Il risultato è una struttura di base tubolare in PVC che supporta otto strisce elastiche montate verticalmente, in grado di cattura l’energia cinetica delle brezze.

 

“L’uso di energia affidabile, sostenibile e a zero emissioni è una priorità assoluta sia per le installazioni dell’esercito che le basi operative avanzate”, spiegava nel 2014 il Corpo degli ingegneri. “L’approccio di Flutter Mallard è quello di raccogliere la porzione a bassa energia del vento, normalmente troppo debole per essere utilizzata dalle convenzionali turbine eoliche”. Oggi, a 5 anni dalla presentazione del primo prototipo, il macchinario ha ottenuto il brevetto.

L’idea è nata da osservando delle semplici veneziane muoversi sotto l’effetto di un debole vento. l’immagine è stata d’ispirazione: i ricercatori hanno sostituito le tapparelle con una membrana flessibile articolata in grado di deformare e immagazzinare energia elastica in tempo reale. Hanno quindi fissato alla membrana una bobina di pick-up e un magnete in grado di convertire le vibrazioni in una corrente elettrica.

 

>>leggi anche Eolico offshore, come ottimizzare i costi O&M?<<

 

Il mini eolico dell’esercito, tuttavia non si limita a generare elettricità. Per essere utile in applicazioni pratiche era necessario infatti creare un sistema in grado di compensare la variabilità del vento. Ecco perché Flutter Mallard è stato dotato anche di un supercondensatore, un dispositivo che immagazzina l’energia in un campo elettrostatico.

La produzione energetica per ora è contenuta (la taglia è quella propria del micro eolico) ma il dispositivo riesce a funzionare con velocità eoliche molto basse, impossibili da sfruttare per altri dispositivi. Il team spera di riuscire a sostituire le attuali strisce con una membrana altamente elastica composta da celle solari fotovoltaiche flessibili. Ciò consentirebbe di catturare e immagazzinare l’energia solare disponibile durante il giorno e fornire un surplus energetico.

 

>>leggi anche Eolico europeo, il vento fornisce il 14% della produzione elettrica<<

3 Commenti

  1. Agostino napolitano
    Posted aprile 13, 2019 at 9:31 am

    Distribuzione e costi?

  2. Renzo Pietro Arsenio MAGNINO PRINO
    Posted aprile 14, 2019 at 8:32 am

    B.giorno,
    Ottimissima idea.
    Gradirei ricevere ulteriori informazioni.

    Grazie. Ottimi saluti

  3. Chiapello Renato
    Posted aprile 14, 2019 at 1:23 pm

    Molto interessante.
    Vorrei saperne di più.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *