• Articolo Trento, 12 aprile 2012
  • Un modello di collaborazione da replicare

    Ricerca DOC per le energie trentine

  • E’ stato siglato questa mattina l’accordo quadro tra Provincia autonoma di Trento e CNR su rinnovabili e salvaguardia dell’ambiente

(Rinnovabili.it) – Sole, biomasse, eolico, ma anche idrogeno, biogas e chimica verde. Questi i settori che vedranno la collaborazione tra la Provincia autonoma di Trento e il Dipartimento di progettazione molecolare del CNR. Con la firma stamane di un accordo quadro, le parti si sono impegnate a realizzare nei prossimi tre anni attività e programmi scientifici sul territorio, con il coinvolgimento dell’Università degli Studi di Trento e del sistema della ricerca trentino.

“Con la Provincia di Trento stiamo sviluppando un modello che vorremmo replicare anche altrove, e che dovrebbe essere trasferito al resto dell’Italia, nell’interesse della competitività di tutto il sistema – ha dichiarato il presidente del Consiglio nazionale delle ricerche Luigi Nicolais -. In Trentino il rapporto fra Cnr e sistema della ricerca territoriale è già molto forte, grazie in primo luogo all’impegno delle istituzioni, e coinvolge una cinquantina di ricercatori. L’accordo quadro di oggi rappresenta la cornice più appropriata all’interno della quale collocare le collaborazioni già avviate. E’ importante anche la collaborazione con l’Università, nella convinzione che essa svolga un ruolo fondamentale non solo nel campo della formazione ma anche della ricerca”.

Grazie alla nuova intesa, il mondo della ricerca trentina e quello del CNR si fonderanno per realizzare un solido gruppo di lavoro che indagherà sull’ottimizzazione dell’uso di fonti e dei vettori di energia compatibili con l’ambiente; il team si occuperà inoltre di produrre e controllare i composti chimici derivanti da processi energetici e degli spin-off su concentrazione solare e materiali compatibili con l’idrogeno.