• Articolo Berlino, 16 giugno 2017
  • Rinnovabili: la Germania approva le aste transfrontaliere

  • Approvato dal Gabinetto il decreto che apre le porte del meccanismo aste tedesco agli altri Stati europei. In gara fino a 300 MW rinnovabili

aste transfrontaliere rinnovabili

 

Pubblicato il decreto per aste transfrontaliere nelle rinnovabili

(Rinnovabili.it) – La Germania schiude i suoi confini energetici. Dopo aver invitato le centrali straniere a partecipare al suo “Netzreserve” (Riserva di Rete), uno dei meccanismi di capacità creati dal Governo tedesco per garantire la sicurezza elettrica, è pronta ad un’altra “incursione” dei paesi confinanti nel proprio mercato dell’energia. Questa volta tocca al meccanismo delle aste, lo strumento con cui da 2014 Berlino sta progressivamente sostituendo i tradizionali aiuti alle rinnovabili.

 

Il sistema – elemento chiave della nuova legge energetica tedesca EEG – introduce incentivi di mercato al posto delle tariffe pagate dallo Stato per ogni chilowattora verde immesso in rete. In questo modo i gestori degli impianti potranno commercializzare direttamente la loro produzione, ricevendo un premio a compensazione della differenza tra il loro prezzo di offerta e quello medio mensile per l’energia elettrica sul mercato spot.

 

>>Leggi anche:Alla 1a asta eolica onshore della Germania vincono i cittadini<<

 

Come parte della nuova legge, la Germania ha promesso all’Unione Europea che a partire da questo stesso anno, un 5 per cento della nuova capacità rinnovabile annua sarà affidata ad aste transfrontaliere. In base ai “corridoi di distribuzione” definiti dal governo, la percentuale dovrebbe corrispondere a circa 300 MW. La gara, per la quale è stato pubblicato un decreto ad hoc dal gabinetto, ha un precedente: il progetto pilota di asta solare tedesco danese realizzato nel 2016. In quel caso, tutto il contingente di potenza è stato assegnato a cinque progetti fotovoltaici a terra di sviluppatori danesi con offerte di appena di 5,38 centesimi di euro / kWh. Una gara simile è stata sperimenta in Danimarca, aprendo le offerte alla Germania.

 

>>Leggi anche: Eolico offshore senza incentivi per la prima asta della Germania<<

 

Ma il legame fra i due paesi va ben oltre. I rispettivi governi hanno firmato solo due giorni fa un accordo per migliorare il commercio transfrontaliero di energia elettrica. L’obiettivo è quello di ottenere progressivamente la piena capacità di interconnessione tra la Danimarca e la Germania occidentale non appena lo sviluppo infrastrutturale necessario a ciò sarà completato. La capacità minima concordata sul confine tedesco-danese sarà di 400 MW a novembre 2017 per arrivare progressivamente fino ai 1.100 MW del 2020.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *