• Articolo Taipei, 30 gennaio 2013
  • Un progetto ambientale ed energetico

    Taiwan costruirà mille impianti eolici entro il 2025

  • Un’impresa ambiziosa sta assorbendo le energie di Taiwan: aumentare la quota di eolico e salvaguardare la flora rara

(Rinnovabili.it) – Continuano i programmi energetici di Taiwan, decisa ad abbandonare gradualmente la dipendenza del carbone a favore della produzione di energia da fonti rinnovabili. Lo conferma il governo specificando che gli interessi sono tutti in favore della crescita eolica del paese, pronto a costruire impianti onshore e in mare, concentrandosi nella costa ovest dell’isola, dove le condizioni sono di vento sono tra le più favorevoli. Ma l’impegno green del paese non si ferma qui, arriva infatti sempre dal governo la conferma di un impegno ambientale a 360° che passa anche attraverso la protezione delle specie vegetali considerate rare.

Il progetto energetico prevede di aumentare la capacità eolica del paese dagli attuali 530 MW a 4,2 GW nel 2030. Questo consentirebbe al paese di soddisfare l’8% del fabbisogno energetico contro l’1% attuale.

 

In totale il piano prevede il posizionamento di mille turbine, di cui 600 in mare per un totale di 41mila nuovi posti di lavoro tra provvisori e fissi. Grazie ai nuovi parchi si riusciranno a risparmiare 8,4 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno con una spesa complessiva che 14,1 miliardi di euro.

Taiwan sta pensando di rivoluzionare la produzione energetica perché al momento la maggior parte dell’energia viene prodotta utilizzando fonti fossili altamente inquinanti. Il governo ha inoltre fatto sapere che entro il 2025 dovranno essere mille i nuovi parchi eolici presenti sul territorio nazionale, sia sulla terra ferma che in mare.

 

I Correlati

Eolico Google Mountain View, 23 gennaio 2014

Google: un piede in 4 parchi eolici

Nuovo accordo per Google, che acquisterà per 10 anni l'energia elettrica prodotta da 4 parchi eolici svedesi rendendo ancora più green i propri server