• Articolo Roma, 3 novembre 2016
  • Intervista a Marco Graziano Presidente di Vestas Mediterranean

    Vestas, driver della sostenibilità mondiale

  • Quale sarà il ruolo dell’eolico nella grande sfida ai cambiamenti climatici? Quali le tendenze del mercato mondiale e come si svilupperà quello nazionale? Ci risponde il n.1 dell’area mediterranea, il Presidente Marco Graziano

V112 installation, Macarthur Windfarm, Australia (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

V112 installation, Macarthur Windfarm, Australia (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

 

(Rinnovabili.it) -La grande corsa dell’eolico mondiale è in pieno svolgimento.

Secondo il Global Wind Energy Council, la potenza istallata da fonte eolica nella sola Europa passerà, con una crescita regolare, dagli attuali 160,8 GW a 218,3 GW entro il 2020. In questo contesto il nostro Paese si trova a giocare un ruolo fondamentale e strategico, con grandi potenzialità derivanti dalla disponibilità della fonte e dal posizionamento geografico. Per fare il punto sulla situazione ne abbiamo parlato con Marco Graziano, Presidente della Vestas Mediterranean responsabile del sud Europa, ovest e nord Africa, Medio Oriente e America latina.

 

Presidente Graziano, la sua azienda è uno dei primi operatori al mondo, sicuramente il primo in Italia. Quali sono gli ingredienti di questo successo?

In effetti la Vestas è il leader mondiale nel settore eolico, con una copertura di circa il 17% del mercato globale. Un’azienda che è nata in Danimarca, cresciuta in nord Europa, ma che ha avuto la capacità, più di altri, quando la domanda è divenuta mondiale, di organizzarsi per penetrare nei mercati esteri. Attualmente abbiamo sedi in 65 paesi, ed in 35 di questi abbiamo istallato la prima turbina. Quindi direi che la realizzazione di una rete così capillare sia il primo ingrediente di successo della nostra attività.

 

E gli altri fattori che vi hanno portato ad essere leader mondiali?

Sicuramente la capacità di offrire ai nostri clienti un pacchetto completo: dallo sviluppo del sistema, alla produzione e fornitura delle macchine, fino al supporto al finanziamento, e questo spesso fa la differenza, agli occhi dei grandi clienti, tra la nostra azienda ed altri competitor.

 

Nell’ambito dei trend mondiali, come vede la Vestas il mercato italiano?

Per noi l’Italia è un mercato estremamente interessante e nel quale abbiamo sempre creduto. Siamo sicuramente il leader assoluto in questo paese coprendo circa il 40% del suo mercato.  E non è un caso che siamo l’unica azienda con una presenza industriale significativa grazie ad uno stabilimento di produzione a Taranto. Non solo: l’Italia è divenuta per noi anche la base per affrontare strategicamente i mercati nei paesi dell’area mediterranea.

 

Marco and boat closer

 

Mi faccia un esempio

Abbiamo istallato l’anno scorso una wind farm in Giordania da 117 MW, operazione completamente “made in Italy”, cioè sviluppata da project manager italiani e realizzata dall’industria italiana.

 

Quali strategie state seguendo per implementare il mercato italiano?

Lavoriamo con la maggior parte degli sviluppatori nel paese, che siano grandi o piccoli. Ciò significa gestire un rapporto commerciale capillare con gli operatori locali; oltre alla fornitura, offriamo loro anche innumerevoli servizi che, unitamente al brand autorevole dell’azienda, costituiscono una garanzia anche per gli aspetti finanziari dell’intervento.

 

V112 Hvide Sande, Denmark (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

V112 Hvide Sande, Denmark (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

 

Quindi un’attività di servizi che mi sembra stia crescendo parallelamente a quella di fornitura della tecnologia…

In effetti noi crediamo molto nell’attività di implementazione dei servizi, servizi intesi come garanzia, nel tempo, della qualità di ciò che istalliamo. La durata media di un impianto è di venti anni ed è molto importante, direi essenziale, garantire la produttività e l’efficienza delle macchine anche nel lungo periodo. Inoltre stiamo ampliando l’attività dei servizi non solo nei riguardi della flotta Vestas, ma anche nei confronti delle macchine prodotte da nostri competitor che non possiedono l’adeguata logistica per il mantenimento. In Italia abbiamo circa 4 GW di turbine istallate e di queste più di 1 GW non sono turbine prodotte dalla Vestas. E tutto ciò è molto apprezzato dai nostri clienti che non sempre ricevono lo stesso livello di attenzione dai nostri competitor.

 

Veniamo alla grande novità del mercato eolico italiano: l’imminente meccanismo delle aste pubbliche reintrodotto dal Decreto sulle FER diverse dal fotovoltaico.  La sua azienda vede questo sistema con potenzialità o limiti?

L’Italia è stato uno dei primi paesi in Europa a dotarsi del meccanismo delle aste ed attualmente è un sistema molto diffuso: nell’area che io gestisco il 70% del mercato è gestito attraverso questo meccanismo. Ma non possiamo parlare di uno standard in quanto le aste sono tutte diverse l’una dall’altra, con singole caratteristiche positive e negative. Quindi è difficile rispondere complessivamente alla domanda. Nello specifico: un aspetto positivo in Italia è la presenza del meccanismo denominato bottom price, cioè la determinazione di uno sconto massimo sul prezzo di partenza, anche se io non credo particolarmente negli incentivi in quanto non garantiscono le condizioni allo sviluppo regolare della nostra industria. Devo però ammettere che si tratta di un fattore di stabilità importante che crea fiducia per gli investitori e che consente, effettivamente, di produrre valori significativi come quelli della prossima asta italiana che riguarderà circa 800 MW. Un aspetto che mi piacerebbe vedere in Italia è una maggiore visione a lungo termine, basata su solide prospettive, fattore chiave, nel nostro settore, sia per gli investitori che per gli industriali.

 

Qual è, secondo lei, il ruolo della ricerca tecnologica nella corsa all’efficienza degli impianti eolici, e come la state affrontando?

La ricerca tecnologica è alla base della nostra attività. Ci troviamo a vivere una sfida continua per ridurre il costo di produzione dell’energia. E questo costo è determinato non solo dal costo delle macchine ma da quello dell’intero sistema, determinato da numerosissimi fattori, non ultimo il costo del finanziamento. Nello specifico la ricerca tecnologica si muove contemporaneamente su due livelli: la ricerca costante per migliorare prestazioni ed efficienza delle attuali macchine ed una visione più a lungo termine, direi nell’intervallo di circa 5 anni, che studia, in funzione delle future esigenze del mercato, nuove tipologie di impianti, nuove tecnologie, insomma cerca di dare risposte ad ampio respiro al trend di mercato.

 

V126 (v112 blades) Østerild, Denmark (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

V126 (v112 blades) Østerild, Denmark (photo by courtesy of Vestas Wind Systems A/S)

 

Su quali tipologie di rotori state orientando maggiormente la vostra attività, sempre più potenti o più efficienti?

Direi entrambi gli obiettivi. Da una parte siamo consapevoli del limite di esercizio delle macchine con dimensioni sempre più ampie, limiti legati a condizioni ambientali e logistiche – oggi si realizzano pale di dimensioni che sarebbero state impensabili solo una decina di anni fa – ma contemporaneamente, come accennato, siamo consapevoli che questa corsa al gigantismo delle macchine stia raggiungendo il suo limite.  Stiamo quindi cercando anche altre alternative sviluppando nuove tecnologie, come macchine con quattro rotori, “concetto” appena lanciato dalla nostra azienda, o la possibilità di spostare a terra componenti sempre più consistenti di macchine per migliorare costi di istallazione e manutenzione.

 

La Vestas vanta anche “propri metodi di previsione della fonte” cosa significa?

Abbiamo tre centri operativi – in USA, Spagna ed India – che monitorano h24 le 33mila turbine istallate in 65 nazioni. Questa costante attività ci ha dato modo di creare una banca dati avanzatissima sulle condizioni meteorologiche mondiali e di produrre, per i nostri clienti, specifici modelli di previsione della fonte, modelli particolarmente utili per istallazioni in nuove aree geografiche.

 

Infine dottor Graziano. Siamo alla vigilia della COP22: quale sarà, secondo lei, il ruolo dell’eolico per conseguire gli obiettivi globali?

Importantissimo, anzi basilare. Mi trovi un Paese, oggi, che non abbia l’obiettivo minimo del 20% di rinnovabili per il 2020. E per ciò che attiene il nostro settore, esistono ancora nel mondo vaste aree interessanti per la produzione di energia dal vento. Ci sono poi altre considerazioni: nei Paesi dove si è istallato da tempo l’eolico, come in Italia ed in generale l’Europa, ci sarebbe tantissimo da fare nella riconversione degli impianti in quanto le prestazioni delle macchine attuali non sono certo paragonabili a quelle di 20 anni fa. Quindi un notevole mercato è costituito dalla necessità di riconvertire i vecchi siti con nuove tecnologie, potenzialità molto interessante sia dal punto di vista economico che produttivo per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che ci siamo posti.

In questo quadro, però, non va dimenticato un limite tecnico per lo sviluppo delle rinnovabili: l’adeguamento della rete. Pensi che la Danimarca, in alcuni giorni, già produce il 100% di energia elettrica da fonte rinnovabile, ma riesce a farlo anche perché è dotata di una rete che è stata adattata alle caratteristiche tecniche di tale produzione.

Ritengo quindi indispensabile, se vogliamo davvero aumentare la percentuale da fonte rinnovabile, porre come nuovi obiettivi non solo l’incremento della produttività da rinnovabili, ma anche l’adeguamento della rete e dei sistemi di stoccaggio.

Questa è, a mio giudizio, la vera scommessa della COP22.

 

2 Commenti

  1. Gaetano Gaudiosi
    Posted novembre 10, 2016 at 12:31 am

    Che cosa pensa Marco Graziano del potenziale dell’eolico offshore su fondazioni fisse al fondale o su piattaforme galleggianti nel Mediterraneo ed in particolare nei mari italiani?
    Parteciperà come VESTAS alla conferenza OWEMES 2017 , 11-13 Ottobre a Bari ?

  2. Franco Masciullo
    Posted dicembre 1, 2016 at 4:12 pm

    Qual’è la produzione VESTAS per le piccole utenze?
    Qual’è la potenza minima per l’installazione di un impianto eolico?
    Grazie
    Franco Masciullo

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *