• Articolo Washington, 19 ottobre 2011
  • Un nuovo strumento finanziario dell’International Finance Corporation

    Finanza climatica: 60 mln per l’innovazione green dei paesi emergenti

  • Il Cleantech Innovation Facility si rivolgerà a piccole start-up, altamente innovative, che offrono prodotti o servizi in grado di ridurre le emissioni di carbonio

(Rinnovabili.it) – Sessanta milioni di dollari per sostenere le piccole e medie imprese attive nel settore dei progetti low-carbon nel Sud del mondo. L’International Finance Corporation (IFC), membro del World Bank Group, sta lanciando un nuovo meccanismo finanziario che unisce fondi privati ​​e pubblici per promuovere l’innovazione verde nei paesi in via di sviluppo, incoraggiando il trasferimento di tecnologie pulite dai paesi ricchi. Il fondo – il Cleantech Innovation Facility  – si rivolgerà a piccole start-up, altamente innovative, che offrono prodotti o servizi in grado di ridurre le emissioni di carbonio. L’iniziativa fornirà finanziamenti a tassi agevolati dal Global Environment Facility e offrirà una componente parallela di assistenza tecnica per assicurare consulenza e assistenza alle aziende in materia di governance, di gestione, strategia e sviluppo del business. “Questa iniziativa è un modo pratico per affrontare una lacuna sul mercato dei finanziamenti climatici”, ha dichiarato Mohsen Khalil, responsabile globale del Climate Business Group dell’IFC. “Verranno sostenute le compagnie del clean-tech provenienti da o trasferitesi nei paesi emergenti, aziende che hanno il potenziale di avere un impatto reale, ma che non possono accedere al capitale a rischio”. Khalil ha detto che il fondo dovrebbe aiutare ad identificare i modelli di business alternativi che possono effettivamente promuovere l’innovazione e l’imprenditorialità a livello globale.