• Articolo Bologna, 9 marzo 2012
  • Lettera inviata al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini

    Fondo Kyoto, ANCI chiede posticipazione apertura

  • L’associazione dei Comuni Italiani mette in luce il rischio per i comuni di non poter accede ai fondi a causa dei vincoli del Patto di Stabilità

(Rinnovabili.it) – Il Patto di stabilità continua a creare scompiglio. Dopo aver le richieste dell’Anci di riaprire un tavolo su questo provvedimento, ritenuto penalizzante per i bilanci comunali, l’associazione torna sulla questione ma stavolta sotto un differente profilo e per la precisione agli effetti indiretti che il provvedimento potrebbe avere sul Fondo Kyoto. Il Presidente Anci, Graziano Delrio, in una lettera inviata al Ministro dell’Ambiente Corrado Clini invita, infatti, a valutare l’opportunità di uno slittamento della data d’apertura della finestra per la presentazione delle richieste di finanziamento.

Il problema segnalato da Delrio riguarda il fatto che le domande di ammissione devono essere presentate dal quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione della Circolare Kyoto sulla Gazzetta Ufficiale e fino al centotrentacinquesimo giorno (incluso) dalla stessa data di pubblicazione. Un lasso di tempo che pregiudicherebbe l’accesso ai Comuni proprio in via dei vincoli imposti dal Patto di Stabilità; considerato che le amministrazioni “debbono disporre di un bilancio approvato prima di deliberare il cofinanziamento di un progetto – segnala Delrio – la data di apertura della finestra prevista in Decreto per presentare le domande di finanziamento (16 marzo 2012) risulta essere troppo a breve termine, con il rischio così di pregiudicare l’accesso ai Fondi disponibili per il 2012’’.