• Articolo Roma, 23 gennaio 2012
  • Gli emendamenti presentati sono stati respinti

    ANIE/GIFI: “Più certezze per lavorare e crescere”

  • Diffuso oggi il documento con il quale il Gruppo Imprese Fotovoltaiche Italiane si dichiara contrario a qualsiasi modifica della legge in corso d’opera

(Rinnovabili.it) – Presentati e poi respinti i due emendamenti al Decreto Milleproroghe che avrebbero dovuto modificare le norme che regolano l’installazione degli impianti fotovoltaici nei terreni agricoli. A darne notizia è l’associazione ANIE/GIFI che, in un comunicato stampa diffuso oggi, esprime il proprio disappunto sulla questione. “Ribadiamo la nostra assoluta contrarietà – ha dichiarato il Presidente Valerio Nataliziaa ogni modifica della legge in corso d’opera, in generale, e quindi anche a questi emendamenti. Ora abbiamo bisogno di stabilità e certezza normativa”. Nel rammentare i sacrifici che nel corso del 2011 il settore fotovoltaico ha fatto per ridimensionare gli organici e modificare i piani di investimento, il Presidente Natalizia ha spiegato quanto sia fondamentale per l’Italia poter continuare a creare benefici per il Sistema Paese in termini di posti di lavoro, gettito fiscale, indipendenza dalle fonti fossili. Se gli emendamenti fossero stati approvati, cosa che secondo ANIE/GIFI risulta difficile a causa di una mancata copertura finanziaria, avrebbero potuto provocare un veloce esaurimento delle risorse economiche a disposizione per incentivare il fotovoltaico, con tutta una serie di conseguenze negative a scapito dei progressi fatti fino a oggi per cercare di definire lo sviluppo del settore in Italia. Nel confidare nel Governo, Natalizia ribadisce la sua posizione a favore della certezza del diritto e del rispetto delle regole.