• Articolo Pechino, 14 settembre 2017
  • Fotovoltaico: la Cina guida il passaggio al silicio monocristallino

  • Si iniziano ad avvertire i primi risultati del Top Runner Program cinese e tutto il mercato solare potrebbe risentirne

silicio monocristallino

 

 

(Rinnovabili.it) – Potrebbe non esser il fotovoltaico in perovskite a sgonfiare, nel breve periodo, il dominio del silicio policristallino. Il mercato potrebbe invece passare il testimone a suo “fratello”, il silicio monocristallino il cui utilizzo su larga scala è ancora frenato. Questo perché, essenzialmente, la versione “mono” (i cristalli sono orientati tutti nella stessa direzione) richiede un grado di purezza più alto e dunque costi più elevati rispetto al “poli”. Di contro, però, questo semiconduttore permette di produrre celle e moduli ad alta efficienza e con meno materiale.

 

Il divario dei costi, seppur ridotto negli ultimi anni, continua tuttavia a far la differenza a livello di distribuzione: secondo l’analisi elaborata da Energy Trend, il prezzo medio di una cella in silicio policristallino è oggi di 0,225 dollari per Watt, rispetto agli 0,319 dollari per Watt del monocristallino. Ciò spiega perché il secondo trovi maggiore spazio nei prodotti hi-tech come i satelliti, piuttosto che negli impianti domestici o industriali. In Italia ad esempio, il 73 per cento della potenza installata è realizzato in silicio policristallino e solo il 21 per cento in silicio monocristallino, mentre il resto è in film sottile o in materiali diversi (dati GSE per il 2015).

 

Da cosa dipende allora il passaggio del testimone da poli a mono? Dagli ultimi miglioramenti tecnologici e dai piani del più grande produttore e installatore di pannelli solari. Parliamo della Cina che sta supportando i produttori di celle ad alta efficienza con il programma statale “Top Runner Program. Avviato dall’Agenzia Nazionale per l’Energia (NEA) del Paese nel 2015, il progetto mira a facilitare l’implementazione di tecnologie avanzate di fotovoltaico grazie a generosi incentivi che stanno aggiornando la produzione per l’intero settore. E la domanda di celle in silicio monocristallino è già in crescita nella Repubblica popolare.

 

>>Leggi anche Fotovoltaico monocristallino, in Cina si segna il nuovo record<<

 

Se “Top Runner” avrà gli effetti desiderati, l’intero mercato solare mondiale potrebbe risentirne. “Questo cambiamento – spiega un recente report della Stanford University – […] potrebbe avere implicazioni di vasta portata per l’industria solare globale, in particolare portando la Cina tra i  paesi che svolgono attività di ricerca e sviluppo ad alto livello”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *