• Articolo Vicenza , 8 novembre 2012
  • Un sistema di accumulo energetico rivoluzionario

    Con “autoconsumo 2.0” Conergy stocca l’energia

  • Grazie ad un nuovo sistema di accumulo gli impianti pv sono ora in grado di accumulare l’energia prodotta rendendo autonomi dalla rete i consumatori

(Rinnovabili.it) – Il fotovoltaico off-grid risolve spesso i problemi che derivano da una rete di distribuzione energetica incompleta o non sufficiente a veicolare tutta l’energia elettrica prodotta, che spesso viene sprecata. Ma da Conergy arriva una soluzione che potrebbe evitare gli sprechi permettendo l’accumulo dell’energia prodotta in eccesso dai sistemi fotovoltaici, permettendo al consumatore di utilizzare il surplus quando lo desidera e quando ne ha più bisogno.

 

Il progetto, partito nel 2010, offre quella che la società ha voluto battezzare una soluzione di “autoconsumo 2.0” ovvero un accumulatore intelligente in grado di andare ad attingere dal suo serbatoio di energia quando necessario, rendendo il consumatore indipendente dalla rete nazionale per il 70% dell’anno. Attualmente un impianto fotovoltaico permette l’utilizzo di circa il 35% dell’energia prodotta, mentre il sistema Conergy può far raggiungere livelli di autonomia compresi tra il 70 e l’80%, quindi doppi rispetto agli attuali sistemi garantendo oltre all’energia anche la consapevolezza di un ridotto consumo di carburante fossile e di un calo sostanziale delle emissioni inquinanti.

 

Giuseppe Sofia, Amministratore Delegato di Conergy Italia, ha descritto il nuovo sistema come rivoluzionario oltre che particolarmente utile per le persone che per lavoro sono tutto il giorno fuori casa e che quindi non riuscirebbero ad utilizzare l’energia prodotta dal proprio impianto. “Accumulare la produzione di energia solare è mio avviso un atto di rispetto verso l’ambiente ed oggi è finalmente possibile grazie a sistemi sempre più sofisticati ed economicamente accessibili” ha concluso Sofia.