• Articolo Londra, 21 ottobre 2013
  • Piccoli cilindri capaci di deviare il percorso dei raggi luminosi

    Il design dei Lego in aiuto alla tecnologia solare

  • I ricercatori hanno dimostrato che l’efficienza dei moduli in film sottile potrebbe essere migliorata fino al 22% coprendo la superficie con minuscole borchie

Il design dei Lego in aiuto alla tecnologia solare(Rinnovabili.it) – I famosi mattoncini da costruzione Lego sono l’ultima fonte d’ispirazione della tecnologia solare. Un team di fisici dell’Imperial college  di Londra, in collaborazione con scienziati provenienti dal Belgio, Cina e Giappone, ha lavorato su un nuovo design per le celle fotovoltaiche che ricorda da vicino la struttura dei Lego, nel tentativo  di raggiungere due obiettivi oggi ancora dicotomici: l’alta efficienza e i bassi costi di produzione. I ricercatori hanno dimostrato che l’efficienza di qualsiasi pannello solare potrebbe essere migliorata fino al 22% coprendo la superficie con minuscole borchie in grado di intercettare e flettere la luce all’interno dello strato assorbente.

 

A livello microscopico, le borchie – che rendono la superficie delle celle simile a quella dei mattoni da costruzione – sono costituite da cilindri in alluminio dell’ordine del nanometro sulla superficie di un film sottile in Arseniuro di gallio (GaAs); questi piccoli cilindri hanno il compito di deviare il percorso dei raggi luminosi all’interno della cella al fine di aumentare il tempo in cui i fotoni possono essere venire in contatto con lo staro assorbitore. “La chiave per la comprensione di questi nuovi risultati è nel modo in cui le strutture interne di questo metallo interagisce con la luce”, spiega il Dott. Nicholas Hylton dal Dipartimento di Fisica dell’Imperial College London. Il futuro successo di questa tecnologia accorcerà il gap che ancora distanzia i tradizionali moduli fotovoltaici con quelli a film sottile.