• Articolo Lisbona, 14 luglio 2017
  • Il Portogallo mette il fotovoltaico a mollo sull’idroelettrico

  • 840 pannelli solari galleggianti stanno regalando un piccolo surplus ai 68 MW di capacità della diga Alto Rabagão,

idroelettrico

 

(Rinnovabili.it) – Il Portogallo ha dato il benvenuto al suo primo impianto ibrido fotovoltaico-idroelettrico: da pochi giorni 840 pannelli solari galleggianti stanno regalando un piccolo surplus (220 kWp) ai 68 MW di capacità della diga Alto Rabagão, nel Parco Nazionale di Peneda-Gerês.

La società che ha realizzato il progetto, lo presenta come la prima centrale al mondo di questo tipo ma, in realtà, la scelta di integrare la tecnologia solare nelle dighe e nei bacini idroelettrici sta rapidamente contaminando le strategie energetica di diversi Paesi.

 

Il Brasile, a marzo 2016 ha annunciato il via libera ai lavori d’istallazione di un impianto fotovoltaico galleggiante da 1 MW sulla diga idroelettrica di Balbina. Un progetto simile ha preso copro qualche giorno dopo anche presso la centrale idroelettrica di Sobradinho, a Bahia.

Anche l’India sarà a breve della partita: la National Hydroelectric Power Corporation ha presentato i piani per realizzare un sistema solare flottante da 600 MW su la centrale di Koyna, uno dei più grandi complessi idroelettrici indiani. Ma se si amplia lo sguardo a tutta la classe del fotovoltaico galleggiante, sono decine e decine i progetti che stanno prendendo corpo. Attualmente esistono più di 100 MWp di energia solare galleggiante installata a livello mondiale e si prevede  che saliranno a 5.000 MWp entro la fine del 2017.

 

Perchè scegliere l’idroelettrico per il fotovoltaico galleggiante?

Rispetto alle sue controparti tradizionali (su terra ed edifici), questa tecnologia consente di ottenere diversi benefici se usata con intelligenza. Uno dei vantaggio dell’impianto ibrido  integrato all’idroelettrico deriva dal poter utilizzare le reti elettriche esistenti, compresi dispositivi di accesso e di trasformazione della tensione. Ciò riduce drasticamente i costi totali del capex e rende più rapidi i progetti.

 

La presenza dell’acqua permette di realizzare un sistema di raffreddamento naturale che abbassando la temperatura, è in grado di evitare surriscaldamenti e le conseguenti perdite di potenza. Inoltre, la superficie dell’acqua riflette i raggi solari, comportandosi come una sorta di concentratore a specchio: in questo modo i moduli possono catturare anche la luce riflessa aumentando ulteriormente la produzione. AM i vantaggi sono reciproci, dal momento che il fotovoltaico galleggiante è in grado di ridurre l’evaporazione dell’acqua e la crescita delle alghe grazie all’ombreggiatura. Le piattaforme flottanti, inoltre sono completamente riciclabili, resistenti alla corrosione e progettate per resistere a qualsiasi stress fisico, tifoni compresi.

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *