• Articolo Nuova Delhi, 4 gennaio 2016
  • Esclusa l’industria e il commercio

    Fotovoltaico: l’India aumenta i sussidi di 8 volte

  • Da meno di 100 milioni a 770, tutti per famiglie, enti pubblici, ospedali e scuole che investono nel fotovoltaico domestico. La prova che Delhi fa sul serio

Fotovoltaico l’India aumenta i sussidi di 8 volte

 

(Rinnovabili.it) – Un obiettivo ambizioso e poco tempo per raggiungerlo. Il mix di questi due ingredienti sta dando vita al boom del fotovoltaico in India. Il governo sta infatti progettando di aumentare in modo significativo il sostegno finanziario per impianti solari da installare sui tetti delle case. Ogni ramo del settore va esplorato e finanziato adeguatamente per mantenere la promessa di raggiungere il target straordinario di 100 GW di capacità solare operativa entro l’aprile 2022.

Il Consiglio dei Ministri, in quest’ottica, ha recentemente approvato un piano per aumentare i sussidi ai progetti di fotovoltaico domestico. Si passerà dai 92 milioni di dollari elargiti fino al 2015, alla bellezza di 770 milioni. Un incremento estremamente sensibile, più di otto volte la cifra attuale.

Potranno usufruire di queste sovvenzioni le famiglie, le istituzioni governative, gli ospedali e gli istituti di formazione. Non potranno richiederle, invece, soggetti del settore privato come le industrie e il commercio.

 

Il piano per i 100 GW di distribuzione solare del governo Modi, si basa per il 40% sul fotovoltaico domestico. Significa che 40 GW di capacità solare dovranno essere rappresentati da queste tecnologie entro poco più di sei anni. Tuttavia, la politica dell’esecutivo è in ritardo. Il ministero della New & Renewable Energy ha reso pubblico nel luglio scorso un calendario di aste per la costruzione di grandi impianti fotovoltaici, ma non ha tracciato un piano simile per l’attuazione di progetti di fotovoltaico domestico. Mancando scadenze temporali certe e un piano organico a livello nazionale, il settore deve essere ancora spinto a dovere per portare quei risultati necessari a mantenere gli impegni.

Di strada da percorrere ne resta molta: basti pensare che la capacità solare in India, calcolata il 30 novembre 2015, era pari a 4,68 GW. Di questa quota, solo il 5,6% è capacità distribuita.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *