• Articolo Firenze, 23 ottobre 2012
  • Fotovoltaico, installazioni più facili per famiglie e imprese

  • Nuovo schema d’accordo da proporre alle ESCO per regolamentare la realizzazione di impianti fotovoltaici alla luce del quinto conto energia 2012

La Regione vuole favorire il rapporto tra le società di servizi energetici (ESCO) e chi è interessato all’installazione di un impianto fotovoltaico senza sostenere costi. A questo scopo la giunta ha deliberato un nuovo schema d’accordo da proporre alle ESCO per regolamentare la realizzazione di impianti fotovoltaici alla luce del quinto conto energia 2012. Al tempo stesso la giunta si impegna a varare un programma di promozione che aiuti a far conoscere l’accordo.

In pratica, adesso la Società di servizi energetici potrà installare un impianto fotovoltaico di piccola o media taglia (da 1 a 50 kilowatt di potenza) sul tetto degli immobili destinati a civile abitazione o su quelli di piccole e medie imprese che ne fanno richiesta. Questi potranno beneficiare per 20 anni solo del 50% dell’energia prodotta dall’impianto per i propri usi. Così la società, senza subire perdite, potrà comunque accedere agli incentivi del conto energia (l’entità degli incentivi è ridotta già a partire dal 2012 e soprattutto nel 2013).

Le società che sottoscriveranno l’accordo progetteranno, realizzeranno ed effettueranno la manutenzione dell’impianto fotovoltaico che sarà installato sul tetto di fabbricato di proprietà del richiedente “chiavi in mano” e lo assisteranno anche nel procedimento amministrativo per il rilascio dei titoli abilitativi necessari per l’installazione dell’impianto.

Alla scadenza dei venti anni, la proprietà dell’impianto sarà trasferita a titolo gratuito al proprietario dell’immobile su cui è installato, a meno che il proprietario dell’immobile chieda alla Società la rimozione dell’impianto entro sei mesi dopo la scadenza. In tal caso l’impianto fotovoltaico sarà rimosso a cura e spese della Società. Da parte sua la Società che avrà realizzato l’impianto otterrà dal richiedente proprietario dell’immobile il mandato irrevocabile per l’incasso della tariffa incentivante che sarà corrisposta dal GSE.

Con la sottoscrizione dell’accordo la Società si impegnerà anche a valutare e a rendere noto a quali condizioni di favore i privati interessati possano direttamente installare a proprie spese impianti fotovoltaici sul tetto, prevedendo un prezzo competitivo, soluzioni economiche convenienti e forme di finanziamento di credito al consumo fino a 120 mesi.

Da parte sua la Regione Toscana si impegna a svolgere attività di informazione ai cittadini e alle Società e a fornire l’accesso alle banche dati in merito all’utilizzo dell’energia sul territorio. Inoltre opererà congiuntamente con le Società anche su altri temi legati all’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili distribuite, come il minieolico e il solare termico proprio per promuovere la cultura dell’efficienza energetica e della produzione diffusa di energia da fonti rinnovabili.