• Articolo Taiwan, 17 dicembre 2015
  • Fotovoltaico: “nano” vetro per catturare la luce da ogni angolo

  • Il nuovo rivestimento per fotovoltaico progettato da un team di ricercatori di Taiwan e dell’Arabia Saudita, aumenta l’efficienza mentre mantiene pulita la cella

Fotovoltaico: “nano” vetro per catturare la luce da ogni angolo

 

(Rinnovabili.it) – In grado di autopulirsi e capace di migliorare la raccolta della luce solare. Ce le ha proprio tutte il nuovo rivestimento per fotovoltaico progettato da un team di ricercatori di Taiwan e dell’Arabia Saudita. Il binomio King Abdullah University of Science & Technology (KAUST) e National Central University di Taiwan infatti, ha dato vita ad un innovativo “imballaggio” di vetro nanostrutturato che, attraverso la sua particolare architettura, è in grado di aumentare l’efficienza di conversione della cella solare.

 

Il rivestimento, se applicato sul pannello fv, permette infatti di assorbire la luce solare da più angolazioni, aumentando sensibilmente i rendimenti.

Normalmente il rendimento dei pannelli solari dipende, oltre che dal luogo e dall’orientamento, anche dall’angolo di inclinazione con cui sono installati. Alle nostre latitudini questo si traduce in un’angolatura tra i 30 ed i 35 gradi, ma ad ogni latitudine l’inclinazione migliore cambia e il rendimento è maggiore, ovviamente, quando i raggi solari colpiscono il modulo in maniera perpendicolare al piano. Per non sprecare neppure neppure un raggio e non ricorrere a inseguitori meccanici, il gruppo di scienziati è intervenuto direttamente sulla composizione della cella.

 

Jr-Hau Lui, Kun-Lai Yu e colleghi hanno voluto affrontare questa lacuna studiando il design dei materiali, come dimostra il lavoro pubblicato su ACS Nano. Il rivestimento di vetro è dotato di una struttura gerarchica che vede nanotubi ultrasottili interporsi a nanopareti organizzate a nido d’ape, capaci di catturare e disperdere efficientemente i raggi solari in entrata e aumentando di fatto la capacità di raccolta da più angolazioni.

Nell’atto pratico questo significa che poter incrementare l’efficienza della cella dal 5,2% al 27,7% a seconda dell’angolo incidente della luce, e il miglioramento delle prestazioni può essere fino al 46% considerando l’uso a lungo termine. I ricercatori hanno anche scoperto che il vetro ha ottime capacità autopulenti. Testato all’aria aperta hanno dimostrato che dopo sei settimane il rivestimento aveva respinto quasi il 99% della polvere e dell’inquinamento.

2 Commenti

  1. ritamir
    Posted dicembre 17, 2015 at 4:06 pm

    Ottimo.
    Mi sa che, aspettando e leggendo, leggendo e aspettando, con tutte queste bellissime novità, finirà che non lo farò mai, il mio avveniristico impianto fotovoltaico. Alla fine dovrò accontentarmi del solito standard.

    • Simone
      Posted dicembre 28, 2015 at 3:23 pm

      più che aspettare l’ultima tecnologia.
      se hai il tetto sufficiente e disponibile fai i conti a modo, aspetta di avere la possibilità economica di poter realizzare un’impianto FV in contanti o con finanziamento è uguale, ma se vuoi farlo, fallo!
      perché le tecnologia si sviluppano e aspettare l’ultima ti mette in condizione di non fare niente.
      se hai bisogno di 3 – 4,5 o 6 Kw per casa installali e via!..tanto che siano di vecchia generazione o di quella futura sempre 3 – 4,5 o 6 Kw saranno con una o l’altra potrà cambiare solo la metratura quadrata utile all’installazione.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *