• Articolo Roma, 18 gennaio 2017
  • Fotovoltaico, scende la produzione tra cali fisiologici e mesi nuvolosi

  • ​Il GSE pubblica il documento “Analisi preliminari sulla produzione fotovoltaica in Italia nel 2016”, aggiornato a novembre 2016

Fotovoltaico, scende la produzione tra cali fisiologici e mesi nuvolosi

 

(Rinnovabili.it) – La produzione degli impianti solari italiani appare essere diminuita nei primi undici mesi dello scorso anno di circa il 4,3- 4,6% rispetto all’analogo periodo del 2015. È quanto fa sapere il Gestore dei Servizi Energetici (GSE), aggiornando i suoi dati preliminari sul fotovoltaico italiano a novembre 2016. Il quadro generale conferma quanto già pubblicato dal GSE: il parco solare italiano, o più precisamente i quasi 500mila impianti monitorati dal GSE – è passato dagli 11,8 TWh del 2015 agli 11,3 TWh del 2016. Nel dettaglio, il campione preso in considerazione è composto da 479.849 impianti, per una potenza complessiva pari a circa 10 GW, costituenti l’87% del totale degli impianti fotovoltaici incentivati in esercizio in Italia al 31 dicembre 2015 e il 57% della loro potenza.

 

A livello medio nazionale, il calo della produzione si è concentrato nei primi sette mesi dell’anno, con valori accentuati ad aprile (-9,8%) e a giugno (-9,3%), mentre si è registrato un aumento nel mese di agosto (+5,8%) e ottobre (+4,3%). A livello territoriale invece, le variazioni più rilevanti si sono osservate al Nord-Est (-6,5%) e nel Centro (-5,2%), mentre più contenute sono state quelle nel Nord-Ovest (-3,9%) e nel Meridione (-3,2%). Per il GSE questi segni meno non costituirebbero un andamento anomalo:  “nel 2013, ad esempio – spiega il Gestore – si osservò una diminuzione delle ore di produzione medie degli impianti del 6,2% rispetto al 2012″.

 

Il fattore che ha inciso di più sul calo sembrerebbe essere quello metrologico, legato all’irraggiamento: minore giornate di sole, hanno determinato una minore produzione elettrica. Ma come confermato anche dall’Enea, esistono altri fattori che possono aver inciso sul trend a calare, anche in maniera sensibile. Con la giusta manutenzione la vita media utile di un impianto fotovoltaico può raggiungere anche i 30 anni, ma un calo fisiologico della produzione in questo lasso di tempo è praticamente inevitabile. La perdita di efficienza dipende dalla qualità dei materiali e dovrebbe essere inferiore all’0,5% annuo per non ridurre troppo la producibilità totale. Il parco italiano inizia a essere vecchio e ciò potrebbe progressivamente aumentare il suo peso sul conto finale. Ma non si esclude, chiarisce il Gestore, “la concomitanza di altri fattori”.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *