• Articolo Siena, 13 ottobre 2011
  • Lo rivela uno studio presentato oggi dall’Area Research di Banca Monte dei Paschi di Siena

    FV: investimenti vantaggiosi per tutto il 2011

  • Gli analisti avrebbero previsto un rendimento intorno al 5%, con un vantaggio economico e ‘tempi di ritorno’ più rapidi se l’intervento viene effettuato nel 2011 piuttosto che nel 2012

(Rinnovabili.it) – Mai come quest’anno gli investimenti nel settore fotovoltaico potrebbero essere più vantaggiosi – lo rivela uno studio presentato oggi dall’Area Research di Banca Monte dei Paschi di Siena (MPS), nel quale viene evidenziato “un rendimento intorno al 5% in termini reali”, con un vantaggio economico “soprattutto se l’intervento viene effettuato nel 2011 piuttosto che nel 2012, per via di un break even inferiore (inteso come “punto di pareggio” necessario a coprire interamente i costi sostenuti in precedenza), a causa della riduzione delle tariffe incentivanti di circa il 15% nel primo semestre 2012” e con un payback (ossia il tempo necessario che passa tra l’investimento e il guadagno) di 14 anni nel primo caso e di 15 nel secondo.

Secondo gli analisti della MPS, anche il tasso interno di rendimento dei due investimenti (2011-2012) a 30 anni sarebbe diverso: “nel primo caso è del 5,22%, nel secondo del 4,66%. Se il calo del costo iniziale dell’impianto, in sei mesi, fosse tale da compensare l’effetto della minore incentivazione, la redditività del progetto rimarrebbe costante o subirebbe una lieve riduzione”. Lo studio inoltre ha preso in considerazione anche i rendimenti economici di diverse tipologie di impianti (ad uso domestico e grandi impianti) assistiti da finanziamenti bancari: “Nonostante il costo del finanziamento, il Tir (ossia la “resa di un investimento”) in termini reali a 30 anni, è di circa il 4% (3,69%) per gli impianti ad uso domestico, e per i grandi impianti – concludono gli analisti di MPS – di circa il 3% (al lordo della tassazione sul reddito)”.