• Articolo Bruxelles, 3 aprile 2013
  • Un comunicato congiunto

    Fotovoltaico: Gifi, Assosolare e APER contro i dazi per la Cina

  • Assosolare, APER e Gifi temono che i dazi che l’Europa vuole imporre alla Cina possano minacciare la stabilità del fotovoltaico italiano

(Rinnovabili.it) – Regole chiare garantiscono la concorrenza e un mercato libero. Questo quanto affermato in un comunicato congiunto redatto da Gifi, Assosolare e APER convinti che le regole servano e facciano bene alla competizione tecnologica tra i paesi ma che al tempo stesso l’imposizione di dazi al solare cinese potrebbe danneggiare il mercato italiano.

In un momento in cui gli incentivi si stanno esaurendo i dazi proposti potrebbero danneggiare il mercato allontanandolo dalla grid parity, che per molti operatori di settore è proprio dietro l’angolo.

A preoccupare il fotovoltaico italiano anche la possibilità che i dazi imposti dall’Europa abbiano validità retroattiva sui pannelli registrati da inizio marzo. Il prezzo di questa tassa verrà però comunicato solamente alla fine dell’indagine antidumping contro la Cina, che dovrebbe concludersi a dicembre. Per questo APER, Assosolare e Gifi ritengono che l’imposizione della tassa sia da attivare esclusivamente a partire da dicembre.

A causa di tutte le incertezze il mercato sta già subendo dei rallentamenti e molti operatori e imprenditori sono in serie difficoltà a causa di una normativa che cambia costantemente.

Va bene quindi proteggere la produzione europea ma bisogna fare attenzione a non causare danni alla produzione fotovoltaica italiana, danneggiando diversi anelli della catena, dal produttore al consumatore.