• Articolo Brasilia, 4 giugno 2019
  • In Brasile si fa strada l’ibrido solare-biocarburanti

  • Cresce l’interesse per i progetti misti in grado di integrare la produzione locale di biofuel. E l’Authority energetica lancia una consultazione pubblica

ibrido solare-biocarburanti brasile

 

Due progetti di ibrido solare-biocarburanti si aggiudicano 67 MW complessivi dei 293 messi all’asta

(Rinnovabili.it) – Via libera ai primi impianti di ibrido solare – biocarburanti in Brasile. Sono ben due i progetti di commistione tra fotovoltaico e biofuel ad essersi accaparrati una vittoria nelle ultime aste energetiche del Paese. Le gare in questione erano quelle indette nella Roraima, lo stato più settentrionale e meno popolato del Brasile, oggi alle prese con seri problemi di sicurezza energetica. Il territorio amazzonico, infatti, è l’unico a non essere integrato con il sistema nazionale di interconnessione a causa della sua delicata posizione. Ben 123 dei 721 chilometri di nuova rete previsti, e su cui il Governo sta oggi facendo forti pressioni, dovrebbero, infatti, passare all’interno della terra indigena Waimiri-Atroari.

Fino a pochi anni fa il 50 per cento della sua fornitura elettrica arriva arrivava dal Venezuela ma con l’ampliarsi dei problemi economici venezuelani, l’approvvigionamento ha cominciato a zoppicare. Solo nel 2018 lo Stato ha subito ottanta blackout e il problema sicurezza è diventanto impellente.

 

>>Leggi anche Brasile, Bolsonaro inizia a smantellare i diritti degli indigeni<<

 

Le nuove gare avevano come obiettivo quello assegnare progetti per un totale di 293,8 MW elettrici senza specifiche preferenze tecnologiche. Ed è così che tra i vincitori segnalati da ANEEL, l’autorità elettrica nazionale, fanno capolino per la prima volta anche due impianti ibridi fotovoltaico – biocombustibili: il progetto della brasiliana BBF da 56MW di capacità e quello firmato dall’italiana Enerplan da 11 MW di capacità, di cui tuttavia non si conoscono ancora i dettagli tecnici.

 

Nel complesso le energie rinnovabili hanno rappresentato il 42 per cento dei 293 MW complessivi aggiudicandosi contratti di vendita di 15 anni. Il resto è andato alle fonti convenzionali.

Ma la gara ha anche aperto un certo interesse per il mix fra solare e biocarburanti, al punto da aver convinto il Governo a studiarne le potenzialità. Il ministro all’Energia brasiliano, Bento Albuquerque, ha fatto sapere che l’ANEEL si prenderà un po’ di tempo per studiare la questione, aggiungendo: “È già in corso una consultazione pubblica per una maggiore partecipazione della società a questo tema”.

 

>>Leggi anche Energia marina: in Italia il 1° impianto ibrido onde – fotovoltaico<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *