• Articolo Nuova Delhi, 11 maggio 2017
  • In India l’energia solare costa meno di quella dal carbone

  • I prezzi dell’energia solare indiana continuato la loro spirale discendente. L’ultimo record arriva dalle offerte di Phelan Energy Group e Avaada: appena 0.04 dollari al kWh

fotovoltaico

 

In India il fotovoltaico batte il carbone grazie un prezzo record dell’energia solare

(Rinnovabili.it) – “Fermare il carbone nei Paesi in via di sviluppo equivale a fermare il progresso e la crescita economica”. Le lobby delle fonti fossili lo ripetono da anni, noncuranti dei dati e dei report (Agenzia Internazionale dell’Energia compresa) che sostengono la tesi opposta. A segnare un punto per i secondi è ora l’India.

 

Più del 62% della domanda di energia elettrica nel Paese è soddisfatta attraverso le riserve di carbone nazionali. Ma sviluppo economico e aumento demografico stanno facendo pressioni su un sistema elettrico che già oggi non è in grado di garantire eccesso e sicurezza energetica a tutta la popolazione. La National Solar Mission del governo Modi ha iniziato lentamente a cambiare le carte in tavola, trasformando l’India in uno uno dei mercati fotovoltaici più promettenti al mondo.

Ed è proprio da qui che arriva l’ultimo fendente all’industria delle fonti fossili. Alle nuove aste rinnovabili indette nello stato del Rajasthan per il Bhadla Solar Park, i prezzi dell’energia solare hanno raggiunto un record storico per la nazione. Per i 250 MW messi in gara, la Solar Energy Corporation di Indian (SECI) ha ricevuto offerte sotto le tre rupie (Rs) per kWh, (circa 0,05 dollari/kWh).

 

Nel dettaglio le offerte vincitrici, non hanno superato le 2,63 rupie per kWh, ossia appena 0,04 dollari/kWh. Il prezzo attuale è più basso della tariffa media pagata al più grande produttore di energia da carbone in India, la NTPC,  vale a dire 3,20 Rs.

Sviluppatore capacità (MW) Tariffa (Rs/ kWh)
Gruppo Phelan Energy 50 2.62
Avaada Potenza 100 2.62
SBG Cleantech 100 2.63

 

Ci sono diverse ragioni dietro questo risultato: solo sette anni fa il prezzo dell’energia solare era saldo sulle 12 Rs. Ma da allora a oggi i costi dei pannelli sono scesi di oltre l’85 per cento. Inoltre investire nel fotovoltaico indiano è sicuro: tutta l’energia generata è acquista dal governo e i pagamenti sono assicurati dalla stessa SECI.

Non solo. Nuova Delhi si è anche occupata di facilitare tutte le questioni legate al sito d’istallazione. A luglio 2015, il Ministero delle energie nuove e rinnovabili ha pubblicato delle precise linee guida, indicando le agevolazioni, i siti possibili e gli investimenti richiesti per i progetti “mega ultra” da cui il Paese attende un totale di nuovi 20 GW di capacità fotovoltaica. Per queste istallazioni sono previsti dei vantaggi burocratici, come la riduzione dei permessi e delle autorizzazioni, e vincoli, come le aree candidate (deserto, terreni non agricoli, lati delle strade).

E per diversi analisti di settore non ci sono dubbi che il 2017 sarà l’anno in cui il mercato fotovoltaico indiano conquisterà il terzo posto mondiale, sorpassando il Giappone.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *