• Articolo Roma, 16 dicembre 2011
  • I dati sono stati raccolti nel recente ‘Annuario Statistico Italiano 2011’

    Istat: Italia in crescita con raccolta differenziata e FER

  • Grazie al trend positivo del FV, la produzione elettrica da FER è aumentata di circa il 19% tra il 2009 e il 2009

(Rinnovabili.it) – L’Italia ha registrato dei buoni risultati sul fronte della raccolta differenziata dei rifiuti e sulla produzione energetica da fonti rinnovabili – è quanto affermano i dati contenuti nell’Annuario statistico italiano 2011 pubblicato recentemente dall’Istat, in cui viene offerto un ritratto completo e aggiornato del Paese sui principali fenomeni ambientali, demografici, sociali ed economici. In particolare, nel 2009 la raccolta di rifiuti urbani si è attestata a circa 32 mln di tonnellate con una differenziata  del 33% rispetto al 30% del 2008, grazie soprattutto alle regioni settentrionali che, nella gestione intelligente della “spazzatura” hanno ottenuto risultati migliori delle regioni di Centro e Sud. Per quanto riguarda l’ambito dei consumi elettrici invece, l’Istat ha rilevato, sempre nel 2009, una diminuzione complessiva del fabbisogno energetico nazionale che, con un impiego annuo di circa 300 miliardi di kWh, ha riportato un risparmio del 6% rispetto all’anno precedente. Nonostante la crisi economica abbia influito sul calo della produzione elettrica italiana, l’energia generata dalle FER è aumentata di circa il 19% sull’anno precedente (2008), soprattutto grazie al trend positivo della fonte fotovoltaica (+250 milioni di kWh).

Infine, lo studio ha analizzato i problemi “più sentiti” dalle famiglie nelle grandi aree metropolitane: nel 2011 l’inquinamento dell’aria – tema particolarmente tangibile nelle zone urbane del Nord – è messo al primo posto dal 36,6% degli intervistati.