• Articolo Sidney, 13 novembre 2012
  • Nove pannelli fotovoltaici e 11 accumulatori al litio

    L’eclissi solare va in streaming grazie…al sole

  • L’evento sarà trasmesso in diretta mondiale dall’Australia al resto del mondo alimentando le telecamere della troupe grazie ad un impianto fotovoltaico connesso ad un set di batterie di batterie

(Rinnovabili.it) – L’eclissi solare non è un evento per tutti. Riuscire ad assistere in prima persona all’oscuramento totale è difficile a meno che non si sia disposti ad “inseguire” il fenomeno. Oppure, a seguire l’evento in streaming. L’appuntamento è per domani 14 novembre, quando nel cielo dell’emisfero australe la combinazione Terra, Luna e Sole darà nuovamente spettacolo. A filmare il tutto e a inviare le immagini in una diretta mondiale sarà un particolare progetto che affiderà proprio all’energia solare l’alimentazione degli apparecchi della troupe televisiva.

 

Come già accaduto in Giappone con la diretta realizzata dal Monte Fuji per l’eclissi anulare del 21 maggio, il team Panasonic si è trasferito nel nord Australia per replicare il successo del primo esperimento. Utilizzando unicamente nove moduli fotovoltaici con tecnologia HIT® e trenta accumulatori di energia portatili agli ioni di litio, Panasonic procederà, attraverso USTREAM, alla trasmissione in diretta  dello spettacolo celeste. Il tratto centrale dell’eclissi transiterà nel parco nazionale di Garig Ganak Barlu, in Australia, a circa 250 chilometri ad est di Darwin, alle 21:35 (ora italiana), mentre a sud-est, l’ombra attraverserà rapidamente il Golfo di Carpentaria e, progressivamente, raggiungerà la penisola di Cape York alle 21:37. Per chi volesse seguire l’evento facebook, twitter e ustream permetteranno di non perdersi l’eclissi solare.