• Articolo Londra, 3 giugno 2013
  • Quercus: ceduto il 90% dell’impianto pv Marsolar

  • L’operazione, in linea con la strategia del fondo Quercus Renewable Energy produce un equity IRR superiore al 22%, che verrà interamente distribuita agli investitori

Quercus Assets Selection (Quercus), società di gestione specializzata in investimenti in infrastrutture con un focus sulle energie rinnovabili, annuncia la cessione del 90% delle quote di dell’impianto fotovoltaico Marsolar Srl a Polis Fondi SGR (Polis) per un valore di € 6.570.000.

L’impianto fotovoltaico da 7,8 MW situato a Borgo Faiti (Latina, Italia) è ceduto dal fondo Quercus Renewable Energy (QRE), primo comparto della SICAV-SIF di Quercus di diritto Lussemburghese autorizzata dal CSSF. Il comparto, lanciato nel 2010, è dedicato alla selezione delle migliori opportunità di investimento nel settore fotovoltaico italiano. L’impianto, connesso ad agosto 2011, ha prodotto nel periodo un quantitativo di energia elettrica superiore a quello atteso (circa +6,5% MWh nel 2012), fornendo un contributo significativo agli ottimi risultati del fondo QRE. Si stima che nel solo anno 2012 Marsolar abbia soddisfatto il fabbisogno elettrico pro capite di circa 4.000 persone e conseguito un risparmiodi circa 100.000 tonnellate di CO2.

L’operazione si inserisce nella strategia del fondo QRE, il cui obiettivo di rendimento è pari al 12% IRR o a 2,7 volte il capitale investito con un rendimento del 22% annuo in caso di liquidazione anticipata, ovvero in un periodo compreso tra i 3 e i 5 anni.

Il fondo ha chiuso la raccolta e investito con successo in 10 impianti. Si è pertanto avviato il graduale processo di liquidazione anticipata del portafoglio investimenti, che si prevede passa durare per i prossimi 2-4 anni attraverso un attento monitoraggio del mercato secondario, ricercando le migliori opportunità che massimizzino il raggiungimento degli obiettivi del Fondo.

Per la cessione di Marsolar, Quercus ha individuato la miglior controparte in Polis Fondi SGR, società con cui ad agosto 2012 ha già condiviso la partnership nel fondo immobiliare riservato Star One, veicolo che si caratterizza per una politica di investimento focalizzata esclusivamente su impianti fotovoltaici allacciati e già in esercizio, con flussi di cassa stabili e prevedibili, ed un possibile ulteriore upside in caso di rifinanziamento durante la vita dell’impianto e/o di uscita anticipata.

Simone Borla, Managing Partner di Quercus: “Questa operazione testimonia la nostra capacità di creare valore nonostante le difficili condizioni dei mercati finanziari ed è un chiaro attestato della solidità di questa tipologia di investimenti, motivo per cui sempre più spesso gli investitori istituzionali stanno guardando con attenzione agli investimenti nel settore delle rinnovabili. L’elevato cash flow ed il rischio tipicamente inferiore a quello sovrano dei paesi stessi in cui gli impianti sono localizzati rendono infatti questi asset, tipicamente più redditizi dei titoli governativi, e quindi una risorsa importantissima nell’asset allocation di fondi pensione, assicurazioni e fondazioni.”