• Articolo Washington, 5 dicembre 2011
  • DOE stanzia 12 mln di dollari per la Rooftop Solar Challenge

    Solare accessibile ed economico? In Usa 22 team si sfidano

  • Il dipartimento statunitense dell’energia assegna nuovi finanziamenti ai progetti in gara. L’iniziativa è parte del programma SunShot Energy del governo americano

(Rinnovabili.it) – Nuova boccata di ossigeno per il fotovoltaico stelle e strisce. Come parte dell’iniziativa SunShot Energy del governo Usa, il segretario dell’Energia Steven Chu ha annunciato il nuovo lo stanziamento di 12 milioni di dollari di nuovi finanziamenti per i vincitori della Rooftop Solar Challenge. Il concorso nazionale sta impegnando 22 squadre regionali, in collaborazioni con utility locali e organizzazioni non governative, nel tentativo di rendere l’energia solare più accessibile e conveniente per cittadini ed imprese. I team si stanno sfidando per ottenere i fondi che gli permetteranno di attuare i rispettivi piani e realizzare così una progressiva semplificazione, standardizzazione e digitalizzazione dei differenti processi amministrati esistenti nella nazione. I costi della componente non-hardware, come l’installazione, la progettazione e la manutenzione rappresentano attualmente il 40 per cento della spesa totale di un impianto fotovoltaico; inoltre in tutta la nazione esistono oltre 18.000 giurisdizioni locali che impongono differenti requisiti di autorizzazione, codici d’uso del territorio e ordinanze di zonizzazione, più di 5.000 utility che stanno implementando diversi standard per la connessione e la vendita di energia alla rete elettrica e tutti i 50 Stati stanno sviluppando personali standard di connessione e prezzi dell’energia venduta.

“Attraverso questo concorso, il Dipartimento dell’Energia sta contribuendo a liberare il potenziale solare degli Stati Uniti, investendo in progetti che renderanno più veloce, semplice ed economico finanziare e distribuire l’energia solare nelle comunità in tutto il paese”, ha commentato il segretario Chu. “Questi premi ridurranno le spese che i proprietari di abitazioni e le aziende pagano per installare sistemi di sfruttamento dell’energia solare, facendo al contempo, risparmiare tempo e denaro ai governi locali”.