• Articolo Copenhagen, 17 settembre 2012
  • L’analisi del Ministero degli Affari Esteri danese

    Solare: la Danimarca raggiunge oggi l’obiettivo del 2020

  • Entro la fine dell’anno, la nazione taglierà il traguardo dei 200 MW segnato sul proprio PAN per la fine di questo decennio

(Rinnovabili.it) – Nel Piano Nazionale aveva calcolato di raggiungere una potenza solare, installa sul territorio nazionale, di 200 MW entro il 2020. Ma i sostanziosi incentivi rilasciati dal governo hanno fatto davvero miracoli e la Danimarca si appresta a tagliare il traguardo già entro la fine dell’anno. Ad annunciarlo il ministro degli Affari Esteri spiegando che la capacità fotovoltaica nazionale sta crescendo ad un ritmo di 36 MW al mese. Secondo i principali nomi del settore energetico danese questo rinnovato sviluppo si dovrebbe tradurre entro il 2020 in un GW di potenza e in 3,4 GW entro il 2030. Valori tutti positivi che non possono che rendere soddisfatto il Governo impostosi come obiettivo di coprire il 35% del suo mix di approvvigionamento con le fonti rinnovabili entro la fine del decennio e di renderlo completamente verde la propria energia al 2050.”

La domanda di celle solari è aumentata drammaticamente dall’attivazione del net-metering (scambio sul posto) nel 2010”, spiega Kim Schultz Project manager di Invest alla rivista PV-Tech. “Il sistema dà ad abitazioni private e istituzioni pubbliche la possibilità di stoccare il surplus di produzione nella rete pubblica, il che rende i pannelli solari molto più attraenti”. “La Danimarca – continua Schultz –  possiede un sistema energetico unico con una quota di rinnovabili molto elevata (22%). Questo lo rende particolarmente adatto come piattaforma per le tecnologie di Smart Grid, che costituiscono un elemento chiave per sfruttare appieno le fonti di energia verdi come il solare e l’eolico”.