• Articolo Darwin, 20 novembre 2019
  • Sun Cable: il colossale progetto solare si farà

  • Finanziato dal fondo d’investimento Grok Ventures e della società mineraria Squadron Energy, Sun Cable si prepara ad essere la più grande centrale di energia fotovoltaica al mondo, con 22 milioni di pannelli solari su 15.000 ettari per una potenza di 10 GW

La gigantesca centrale solare australiana alimenterà anche Singapore, coprendo 1/5 delle sue esigenze energetiche

 

(Rinnovabili.it) – Il colossale progetto della Sun Cable in Australia si farà. Finanziato da Mike Cannon-Brookes e Andrew Forrest, titolari rispettivamente del fondo d’investimento Grok Ventures e della società mineraria Squadron Energy, l’ambizioso progetto dovrebbe prevedere, su carta, un investimento da oltre 20 miliardi di dollari australiani, pari a 14 miliardi di dollari statunitensi. Per il momento, non è stata divulgata l’entità effettiva della somma investita, anche se RenewEconomy parla di decine di milioni. 

 

Ben 22 milioni di pannelli solari su 15.000 ettari per una potenza di 10 GW. Questi sono i numeri del progetto da realizzare nel Northern Territory, uno dei 10 territori sotto la diretta dipendenza del governo federale dell’Australia. La Sun Cable, però, alimenterà anche Singapore, seguendo la sfidante visionarietà del suo sviluppatore singaporiano, intenzionato a entrare nel guinness dei primati per il progetto fotovoltaico più grande al mondo.

 

>>Leggi anche L’Asia orientale parte alla conquista dell’eolico offshore<<

 

Come dichiarato da Forest, l’Australia ha il potenziale per essere al “centro della transizione energetica verso l’energia pulita. Il progetto offre all’economia australiana enormi opportunità, non solo in fatto di riduzione delle emissioni, ma anche per quanto riguarda l’avanzamento economico dell’intera nazione”. Secondo Cannon-Brookes,  il progetto hail potenziale per cambiare il mondo”. Il finanziatore ha inoltre aggiunto che  l’Australiaha tutto il potenziale per vincere la sfida. Abbiamo le risorse, l’ingegnosità e la spinta necessaria a farlo. Possiamo dar vita ad un nuovo settore, creare nuovi posti di lavoro e progettare un’economia del futuro”.  

 

Parte dell’elettricità generata da Sun Cable sarà destinata ad alimentare la città di Darwin, ma la maggior parte dell’energia verrà esportata a Singapore tramite una rete di trasmissione CC ad alta tensione da 3.800 km. Secondo i progettisti, Sun Cable sarà in grado di coprire circa un quinto delle esigenze energetiche della città-stato, erodendo la storica predominanza del gas naturale nel mix energetico dell’isola. Secondo le previsioni, la Sun Cable dovrebbe essere completata entro il 2027.

 

“Per questo tipo di impresa, caratterizzata da una grande complessità, la raccolta di enormi capitali è del tutto fondamentale”, ha dichiarato David Griffin, amministratore delegato di Sun Cable. “Mike e Andrew hanno supportato con successo gigantesche imprese larga scala, partendo da zero. Non vedo l’ora che Sun Cable raggiunga un simile risultato”. 

 

>>Leggi anche L’Australia si candida a primo esportatore mondiale d’idrogeno<<

 

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *