• Articolo Roma, 3 febbraio 2016
  • Nuova circolare dell’Agenzia delle entrate

    Tasse sui pannelli solari, sgravi alle industrie pesanti

  • Fisco impazzito: detassa centrali a carbone e raffinerie, ma i pannelli solari integrati nelle strutture continuano a concorrere alla stima catastale

Tasse sui pannelli solari, sgravi alle industrie pesanti 2

 

(Rinnovabili.it) – Una nuova beffa del fisco per chi ha messo i pannelli solari sul tetto di casa. Dal 1 febbraio, la circolare 2/E dell’Agenzia delle entrate stabilisce che gli impianti fotovoltaici negli immobili urbani speciali e particolari continuano a concorrere alla determinazione della stima catastale, perciò verranno tassati. Al contrario, le industrie più pesanti e inquinanti potranno godere di varie esenzioni.

«All’Agenzia delle entrate sono diventati nemici dell’ambiente e della modernizzazione dell’Italia? – si chiede Angelo Bonelli, portavoce dei Verdi, che ha diffuso la notizia – Attraverso la tassazione degli impianti del fotovoltaico si infligge un durissimo colpo ad un settore che già è stato messo in ginocchio dalle politiche contro le energie rinnovabili».

Lo scandalo, spiega Bonelli, è che mentre i pannelli solari vengono tartassati dal fisco, un trattamento opposto viene riservato «alle centrali a carbone, termoelettriche, acciaierie e a tutte le industrie a impatto pesante sull’ambiente».

 

Tasse sui pannelli solari, sgravi alle industrie pesantiAl paragrafo sulle centrali di produzione di energia e le stazioni elettriche, infatti, l’Agenzia delle entrate dichiara che «non sono più oggetto di stima le caldaie, le camere di combustione, le turbine, le pompe, i generatori di vapore a recupero, gli alternatori, i  condensatori, i compressori, le valvole, i silenziatori e i sistemi di regolazione dei fluidi in genere, i trasformatori e gli impianti di sezionamento, i catalizzatori e i captatori di polveri».

Restano invece inclusi nella stima catastale i pannelli fotovoltaici «che costituiscono struttura di copertura o di chiusura verticale delle costruzioni, come quelli integrati architettonicamente».

«Le autorità di governo – attacca ancora il portavoce dei Verdi – invece di favorire l’uso delle energie rinnovabili le caricano di tasse, mentre detassano quelle industrie che hanno una responsabilità nel disastro climatico in corso».

 

Tasse sui pannelli solari, sgravi alle industrie pesanti 3

 

Anche nei siti destinati alla raffinazione dei prodotti petroliferi, infatti, la circolare dispone che siano «esclusi dalla stima, ad esempio, i forni di preriscaldamento, le torri di raffinazione atmosferica o sotto vuoto, gli impianti  destinati ai processi di conversione (cracking) o di miglioramento della qualità dei prodotti della raffinazione (reforming, desolforazione, isomerizzazione, alchilazione, ecc.), nonché gli impianti per il trattamento dei fumi e delle acque».

«Perché questo regalo a chi inquina l’ambiente e il futuro degli italiani? – conclude Bonelli – Questa politica fiscale non consentirà mai di rilanciare l’economia, l’occupazione e la modernizzazione in Italia».

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *