• Articolo Roma, 24 giugno 2013
  • Il Gse presenta i dati di consuntivo e preconsuntivo

    Fuel Mix Disclosure, quanto hanno contato le rinnovabili nel 2012?

  • Cala di 3,4 punti percentuali l’apporto delle eco-energie italiane alla composizione del mix energetico nazionale nonostante la produzione verde sia cresciuta. Il motivo? Il calcolo ha escluso l’apporto delle Garanzie di Origine Estere

Fuel Mix Disclosure, quanto hanno contato le rinnovabili nel 2012(Rinnovabili.it) – Quanta domanda soddisfano le energie rinnovabili nel mix elettrico nazionale? A questa domanda rispondono in maniera puntale le analisi del Gestore dei Servizi energetici (GSE) che annualmente aggiorna i dati relativi al Fuel Mix Disclosure. Come previsto dalla normativa italiana, il GSE, infatti ha determinato in questi giorni la composizione del mix medio nazionale utilizzato per la produzione dell’energia elettrica immessa nel sistema nel 2011 e nel 2012 rivelando dati interessanti. A partire da quello che vede l’utilizzo delle rinnovabili in calo dal 35,2% del 2011 al 29,8% dell’anno successivo.

 

Per il 2012, ricorda però il Gestore si tratta ancora di dati di preconsuntivo e la  diminuzione percentuale nel mix energetico “ è dovuta, principalmente, al mancato contributo di Garanzie di Origine Estere, afferenti ad energia elettrica importata”. A livello nazionale infatti la produzione elettrica verde ha registrato un incremento su base annuale  del 2%, risultando pari a fine dello scorso anno pari a 80 TWh. Il GSE ha provveduto a determinare il mix energetico “complementare” nazionale per l’anno 2011 e per l’anno 2012 decurtando dal mix medio nazionale l’ammontare complessivo di Certificazioni di Origine per impianti alimentati da Fonti Rinnovabili (CO-FER) cedute dai produttori ai venditori e soltanto per l’anno 2011 anche le Garanzie di Origine estere, rilasciate in Paesi esteri, riconosciute dal GSE come corrispondenti all’energia elettrica da fonti rinnovabili effettivamente importata in Italia.

 

Contestualmente ricordiamo che è solo di qualche giorno fa la notizia che, per un paio di ore, le rinnovabili nostrane sono state in grado di soddisfare il 100% della domanda elettrica italiana, facendo crollare il prezzo di tutta l’elettricità a zero. La data da segnare sul calendario è domenica 16 giugno, giorno in cui, nel primo pomeriggio il PUN, il prezzo unico nazionale dell’energia all’ingrosso  si è azzerato.

 

Composizione del mix medio nazionale utilizzato per la produzione dell’energia elettrica immessa nel sistema elettrico italiano nel 2011
Anno 2011
Fonti primarie utilizzate
%
– Fonti rinnovabili
35,2%
– Carbone
14,9%
– Gas naturale
40,6%
– Prodotti petroliferi
1,3%
– Nucleare
1,9%
– Altre fonti
6,1%
Composizione del mix medio nazionale utilizzato per la produzione dell’energia elettrica immessa nel sistema elettrico italiano nel 2012
Anno 2012
Fonti primarie utilizzate
%
– Fonti rinnovabili
29,8%
– Carbone
18,5%
– Gas naturale
39,8%
– Prodotti petroliferi
1,3%
– Nucleare
4,8%
– Altre fonti
5,8%