• Articolo Firenze, 13 settembre 2017
  • Geotermia: con la Dichiarazione di Firenze si collabora a target 200GW

  • Dalle potenzialità mondiali al progetto di geotermia 2.0 della Toscana: la riunione della GGA si chiude con la promessa di 25 Paesi di migliorare la tecnologia e incoraggiare nuovi investimenti

geotermia

 

Nuove promesse per la geotermia mondiale dalla GGA

(Rinnovabili.it) – Nel mondo esistono oltre 200 GW di energia geotermica potenzialmente sfruttabili. Si tratta di una stima conservativa che fissa tuttavia l’obiettivo della Global Alliance Geothermal (GGA), la piattaforma multi-stakeholder pubblici, privati e intergovernativi impegnati a sostenere globalmente lo sviluppo di questa fonte.

L’associazione, lanciata nel 2015 durante la COP21 di Parigi, riunisce sotto il coordinamento di IRENA (Agenzia internazionale per le energie rinnovabili) 42 paesi e 29 istituzioni partner. Molti di loro si sono dati appuntamento in questi giorni a Firenze per la conferenza ministeriale della GGA “Working Together to Promote Geothermal Energy Towards a Sustainable Energy Future”.

 

Il titolo con cui è stato battezzato l’evento racchiude la promessa finale con cui i 25 governi presenti – Italia compresa – hanno concluso il meeting: lavoreranno assieme per crescere sotto il profilo tecnologico ed eliminare le principali barriere alla geotermia. I termini di questo impegno sono stati sigillati all’interno della Dichiarazione di Firenze.

 

“Il vasto potenziale geotermico è attualmente inutilizzato”, ha commentato dal palco del meeting il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti. “Dobbiamo sviluppare nuove tecnologie e incoraggiare nuovi investimenti per assicurarci di coprire questo divario. L’Alleanza moltiplicherà i suoi sforzi per guidare questo processo e l’Italia fornirà il suo contributo con la sua lunga esperienza e know-how”.

 

Un’esperienza che inizia addirittura nel 1913, anno in cui la Toscana inaugurò la prima centrale geotermica al mondo. Ed è la stessa Toscana che oggi rilancia con la proposta di una geotermia 2.0.

 

“Vogliamo fare della realtà toscana un centro di eccellenza internazionale, – ha spiegato l’assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo intervenendo all’evento – con programmi finalizzati a non aumentare l’impatto sulle matrici ambientali al crescere la potenza installata e della produzione di energia elettrica, e a favorire l’inserimento paesaggistico delle centrali esistenti e nuove”.

 

L’idea è di indirizzare parte dei fondi europei verso la ricerca mineraria di risorse geotermiche e verso l’innovazione tecnologica degli impianti geotermici per migliorare l’efficienza energetica e ridurre gli impatti ambientali, includendo campagne di sensibilizzazione volte al risparmio energetico e all’accettazione sociale dell’attività geotermica.

“La Toscana – ha concluso Ciuoffo – guarda con ambizione al futuro ed intende contribuire all’obiettivo di una sostanziale riduzione delle emissioni dei gas climalteranti fissando l’obiettivo di riuscire, anche e soprattutto grazie all’attività geotermoelettrica, a produrre solo energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2050″.

 

geotermia

 

L’evento è stato l’occasione migliore per presentare anche il nuovo rapporto di IRENA su potenzialità e ostacoli al settore. Oggi dal calore della Terra otteniamo globalmente una produzione elettrica di  80.9 TWh l’anno (circa lo 0,3% dell’elettricità mondiale) grazie ad una capacità istallata di 12,7 GW. Riuscire a sviluppare l’obiettivo di 200 GW richiede, secondo quanto riportato nella relazione, il superamento di alcuni nodi, a cominciare dall’accesso al capitale per l’esplorazione e la perforazione di superficie. Come spiega il Direttore Generale di IRENA, Adnan. Z. Amin “Se riuscissimo identificare e implementare meccanismi che forniscano un maggiore livello di certezza agli investitori e agli sviluppatori, allora andremo al di là del dialogo verso azioni decisive che accelerano la produzione geotermica”.

 

>>Leggi anche La geotermia del Kenya apre le porte alle rinnovabili italiane<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *