• Articolo Sparks, 18 novembre 2015
  • Gigafactory di Tesla, verso l’autosufficienza energetica e oltre

  • La mega fabbrica di batterie, a regime, sarà dotata di impianti di produzione energetica alimentati a fonti rinnovabili per raggiungere un’energia netta pari a zero

Gigafactory di Tesla, verso l’autosufficienza energetica e oltre

 

 

(Rinnovabili.it) – La ‘Gigafactory’ di batterie che Tesla sta costruendo in Nevada è la chiave di volta della strategia aziendale per accelerare la diffusione sul mercato di massa delle auto elettriche. “Per raggiungere questo obiettivo – spiega la stessa compagnia – dobbiamo produrre veicoli elettrici in volume sufficiente da spingere al cambiamento l’industria automobilistica”. Accelerare la produzione porterà però innegabili sfide, prima fra tutte quella di riuscire a fornire dispositivi di accumulo in quantità sufficienti a soddisfare la domanda dei veicoli previsti. Le prime stime effettuate da Tesla, prevedono che la società raggiunga per la seconda metà di questo decennio un ritmo di produzione previsto di 500.000 e-car l’anno: una cifra che da sola richiederà tutta l’attuale produzione mondiale di batterie agli ioni di litio.

La Tesla Gigafactory nasce esattamente da questa necessità, unitamente all’urgenza di ottenere dispositivi di energy storage a prezzi più convenienti di quelli attuali. Ma se finora molto si è detto sulle potenzialità di questo immenso stabilimento – sarà uno degli edifici più grandi mai realizzati e avrà una capacità annuale di produzione delle batterie di 35 GWh – ancora poco si conosce dell’aspetto energetico del progetto. Nel sito della società è riportato unicamente che “la Gigafactory verrà alimentata da fonti di energia rinnovabili, allo scopo di raggiungere un’energia netta pari a zero”. Ora il Chief Technical Officer di Tesla, JB Straubel, ha fornito alcuni dettagli in più sull’argomento in occasione di un recente discorso all’Università del Nevada:

“Fin dal primo concept, abbiamo voluto rendere questo impianto a energia netta pari a zero. Quindi, si sa, la cosa più visibile che stiamo facendo è coprire l’intero sito con l’energia solare. L’intero tetto della Gigafactory è stato progettato fin dall’inizio con in mente l’uso del fotovoltaico […] Ma da sola questa copertura solare non basta”.

 

Ed è così che l’azienda ha progetto di realizzare impianti fotovoltaici anche sui terreni circostanti lo stabilimento e di implementare una serie di soluzioni che permettano di rinunciare all’energia fossile (come ad esempio l’impiego di una pompa di calore ad alta efficienza). La promessa di Straubel è che le uniche emissioni del sito siano legate ai veicoli non elettrici utilizzati per la logistica “ma proveremo a risolvere anche questo un pezzo alla volta”.

 

maxresdefault

 

Ricordiamo che lo stabilimento è già parzialmente in funzione, ma che secondo i piani aziendali dovrebbe raggiungere la piena capacità solo nel 2020 “producendo annualmente più batterie agli ioni di litio di quante ne sono state prodotte nel mondo nel 2013”.

Un Commento

  1. Andrea
    Posted novembre 18, 2015 at 12:14 pm

    Tesla starebbe discutendo anche con il governo tedesco per la costruzione di una fabbrica in Germania:
    http://www.afr.com/technology/tesla-talks-with-germany-about-battery-factory-in-threat-to-mercedes-benz-bmw-20151117-gl1h2u?
    Ha già una fabbrica in Belgio per assemblare le macchine, ha affermato più volte di voler aprire un centro di ricerca in Inghilterra, tempo fa il primo ministro indiano ne ha visitato la fabbrica a Fremont.
    Speriamo che prima o poi anche l’Italia guardi in questa direzione.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *