• Articolo Aosta, 2 maggio 2013
  • Nell’ambito del progetto strategico Renerfor

    Idro e biomasse forestali, il cuore energetico della Valle d’Aosta

  • Presentati i risultati dell’iniziativa nata per promuovere la collaborazione tra le amministrazioni francesi e italiane e migliorare le capacità di intervento nello sviluppo e l’utilizzo delle fonti rinnovabili

Idroelettrico: presentati i risultati del progetto Renerfor(Rinnovabili.it) – Acqua e foreste sono le risorse più preziose del territorio alpino. Per le amministrazioni di queste aree è pertanto fondamentale saper gestire al meglio tali fonti sia sul fronte della riduzione della dipendenza energetica che su quello del miglioramento della qualità ambientale. Per dare una mano nel processo strategico di sviluppo del territorio è stato lanciato il progetto Renerfor che, in linea con uno degli obiettivi centrali dell’Unione Europea, mira a promuovere la collaborazione transfrontaliera tra le amministrazioni francesi ed italiane sui fronti delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra. Al partenariato ha preso parte anche la Regione Valle d’Aosta che in un recente convegno ha voluto presentare ai professionisti operanti nel settore e agli amministratori locali i risultati dell’iniziativa, conclusasi a marzo 2013.

 

Obiettivo generale era quello di condividere tra i partners, attraverso lo scambio di esperienze e l’attuazione di iniziative pilota, modelli e strumenti per migliorare la politica locale di sviluppo e di cooperazione in materia di fonti rinnovabili di energia. Per la Valle d’Aosta ciò ha significato poter definire di una metodologia finalizzata all’aggiornamento dei bilanci energetici della Regione con valutazione dei consumi e della diffusione delle fonti rinnovabili e aggiornamento delle emissioni di gas a effetto serra oltre all’analisi della disponibilità delle biomasse forestali; in questo contesto sono state pertanto individuate soluzioni logistiche per l’approvvigionamento del legname e pianificazione della filiera legno come fonte di energia e rilevazione campionaria mediante indagine presso la popolazione per un’analisi qualitativa e quantitativa dei consumi. Inoltre la regione ha potuto valutare la disponibilità della risorsa idrica e studio dell’impatto ambientale generato dagli impianti idroelettrici. Definizione di criteri per la realizzazione di nuovi impianti e per la razionalizzazione dello sviluppo del settore.