• Articolo Quito, 14 novembre 2011
  • Due nuove wind farm si aggiungono al programma Matriz Energetica

    L’Ecuador verso il 100% di elettricità rinnovabile

  • Nuovi impianti idroelettrici, anche su piccola scala, parchi eolici ed una rete per esportare il surplus energetico. La nazione sudamericana si prepara così al 2020

(Rinnovabili.it) – Nove anni per rendere il proprio mix elettrico al 100% rinnovabile. Obiettivo ambizioso quello dell’Ecuador che dal 2009 si sta impegnando per implementare il programma nazionale Matriz Energetica para 2020 con cui intende  diminuire la dipendenza dai combustibili fossili. Il piano prevede di aumentare l’utilizzo di energia verde sfruttando tutte le risorse rinnovabili a disposizione nel paese a partire da quella idroelettrica, a cui oggi si affida per soddisfare metà dei suoi bisogni elettrici; secondo la Matriz Energetica la voce dovrebbe passare dall’attuale 50% al 93,5% nel 2020 attraverso l’istallazione di nuovi impianti e 13 unità di piccola scala per le zone rurali del paese. In linea con l’obiettivo anche due nuovi parchi eolici, di 30 MW e 15 MW di capacità, che serviranno a raggiungere l’obiettivo di portare la fonte eolica a coprire lo 0,57% del mix verde. Attualmente, infatti, il Paese possiede solo tre turbine per una capacità totale 800 kW a San Cristobal Island. Gli “studi di fattibilità” per la costruzione dei relativi impianti sono stati annunciati domenica dal direttore del National Institute of preinvestiment (INP), Santiago Medina che ha anche svelato come la nazione intenda assurgere al ruolo di principale esportatore di energia rinnovabile ed ambientalmente responsabile all’interno dell’Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR). Il prossimo obiettivo del governo di Rafael Correa sarà infatti realizzare una rete di interconnessione che permetta al paese di esportare tutto il surplus elettrico.