• Articolo Tokyo, 13 dicembre 2012
  • Sul mercato nipponico dalla primavera 2013

    Mini-hydro: butta la “Cappa” nel fiume e otterrai energia

  • Da una società giapponese arriva il generatore idroelettrico di piccole dimensioni progettato per essere utilizzato in corsi d’acqua naturali

(Rinnovabili.it) – L’idroelettrico si fa ancora una volta piccolo e compatto per sfidare chi è convinto che la tecnologia non possa dare  più nulla di nuovo. La società giapponese Ibasei ha realizzato “Cappa”, un sistema di sfruttamento idrico appositamente  progettato per essere installato lungo un fiume o un corso d’acqua. Il design alla base del dispositivo non è una vera e propria novità, tuttavia l’unità ha un alloggiamento speciale, chiamato diffusore, in grado di  aumentare la velocità del flusso d’acqua attraverso le pale, per estrarre più energia di quella effettivamente contenuta dall’acqua in entrata. Quindi un regolatore e una batteria annessa al dispositivo fanno sì che il proprietario possa disporre  di 100 V  a 50/60 Hz.

 

“Con l’acqua che scorre a 2,0 m /s, – spiega la società –  questo sistema può produrre 250 Wh. Prendendo in considerazione  eventuali perdite di potenza, cinque di queste mini turbine sono in grado di fornire circa 1 kW di capacità, e rendersi utili come alimentatori in situazioni di emergenza”. Secondo quanto riferito da Ibasei,poiché questo sistema si basa sulla corrente naturale del corso d’acqua, la sua operatività è praticamente del 100%, e la macchina stessa è totalmente riciclabile. “In pratica, si tratta di una fonte di energia per il consumo locale […] Può immagazzinare l’energia come una stazione di ricarica”. L’azienda sta ultimando i test di controllo prevedendo di lanciare il prodotto sul mercato nella primavera del prossimo anno.