• Articolo Varese, 3 ottobre 2012
  • Grazie alla collaborazione dell'italiana Eusebio Energia

    Un progetto umanitario a base di rinnovabili

  • Un impianto idroelettrico, una scuola e un acquedotto fanno parte del progetto di cooperazione internazionale per lo sviluppo della Tanzania

(Rinnovabili.it) – Riutilizzare invece che gettare. Questo lo spirito che ha mosso la Eusebio Energia a donare gli impianti dismessi per la costruzione di una centrale idroelettrica in Tanzania, sul Rio Nyamalonga.

La Eusebio Energia, società di Varese che si occupa della produzione di energia da fonte rinnovabile, ha deciso di contribuire al progetto di cooperazione internazionale donando i propri impianti dismessi ad un’associazione umanitaria che si occuperà di fari rivivere in Tanzania e di farli diventare parte di un’iniziativa molto più ampia.

Grazie alla costruzione dell’impianto idroelettrico, l’energia andrà ad alimentare la scuola che verrà costruita a Njombe, fornendo un importante supporto anche alle attività artigianali, che grazie alla corrente potranno aumentare la produzione, e alle comunità rurali non ancora collegate alla rete elettrica nazionale.

In seguito il progetto prevede anche la costruzione di un acquedotto, che servirà a far arrivare l’acqua potabile nella cittadina di Njombe, dove risiedono 60mila persone e dove il tasso di mortalità infantile, grazie all’arrivo delle conduttore, dovrebbe scendere del 25% grazie al miglioramento delle condizioni igienico-sanitarie.