• Articolo Leuven, 8 marzo 2019
  • Dal Belgio, il sistema fotovoltaico che produce idrogeno dall’umidità

  • Ricercatori dell’Università KU Leuven hanno sviluppato un sistema capace di sfruttare l’umidità dell’aria per ottenere carburante solare con un’efficienza del 15%

idrogeno fotovoltaicoIdrogeno pulito e a costo zero: l’innovazione della KU Leuven University

 

(Rinnovabili.it) – I ricercatori della facoltà di bioingegneria dell’Università KU Leuven, in Belgio, hanno sviluppato un sistema fotovoltaico in grado di produrre idrogeno direttamente dall’umidità dell’aria: il sistema, sviluppato negli ultimi 10 anni, permette attualmente di produrre fino a 250 litri d’idrogeno al giorno con un pannello di 1,6m².

 

“Si tratta di una combinazione unica di fisica e chimica – ha spiegato il professor Johan Martens, coordinatore della ricerca presso la KU Leuven – All’inizio, l’efficienza era appena dello 0,1% e a malapena si formavano alcune molecole di idrogeno; adesso, invece, è possibile vederle emergere in superficie in bollicine”.

 

I sistemi fotovoltaici tradizionali hanno una resa tra il 18 e il 20%: utilizzarli per separare idrogeno e ossigeno dall’acqua significa disperdere buona parte dell’energia raccolta. Non a caso, la maggior parte dell’idrogeno viene prodotto da sistemi alimentati da petrolio o  altri gas poco compatibili con la sostenibilità ambientale.

L’innovazione dei ricercatori belga consiste nell’aver creato celle fotovoltaiche in grado di “convertire direttamente” il 15% della luce solare in idrogeno. Il sistema, attualmente solo un prototipo, sfrutta l’umidità presente naturalmente nell’aria e riesce a produrre 250 litri di idrogeno al giorno di media, un record mondiale secondo i ricercatori della KU Lueven.

 

Installando una ventina di questi pannelli, l’idrogeno prodotto dovrebbe garantire elettricità e riscaldamento di un’abitazione ben isolata per un intero inverno, mentre raddoppiando la metratura vi sarebbe sufficiente idrogeno da rifornire un’auto elettrica per un anno.

 

>>Leggi anche Elettricità e idrogeno dalla CO2, la svolta della batteria liquida<<

 

L’innovazione è pronta per essere testata al di fuori del campus universitario: una casa nella cittadina di Oud-Heverlee, nel Brabante Fiammingo, è stata scelta come sito di sperimentazione domestica. Se i primi test dovessero essere un successo, altri 20 pannelli verrebbero installati in prossimità di una stradina residenziale in modo da rifornire 39 famiglie del circondario.

 

L’idrogeno prodotto durante l’estate verrà stoccato in un contenitore pressurizzato sotterraneo pronto a essere riutilizzato in inverno per produrre calore ed elettricità. Secondo i ricercatori, ogni impianto domestico necessiterebbe di un contenitore di stoccaggio di massimo 4 metri cubi, non più grande di una tanica di benzina.

 

Attualmente, non vi sono stime di costi né tabelle di marcia per la produzione in serie, ma il team di studiosi belga garantisce sulla sostenibilità, anche economica del progetto: “Stiamo usando materiali grezzi e non necessitiamo di metalli preziosi o altre componenti costose – ha precisato Johan Martens – Vogliamo progettare qualcosa di completamente sostenibile, affidabile e utilizzabile praticamente ovunque”.

 

>>Leggi anche Innovazione italiana: nel futuro del fotovoltaico ibrido c’è l’azoto curativo<<

5 Commenti

  1. ritamir
    Posted marzo 8, 2019 at 2:54 pm

    Sembra un sogno piacevole, una magia per un mondo migliore. Quando si sapranno i costi? teneteci informati, grazie..

  2. Fred
    Posted marzo 9, 2019 at 12:47 pm

    Un altro passo avanti per renderci completamente autonomi dai gestori dell energia che ci stanno succhiando il sangue.

  3. Sandro
    Posted marzo 10, 2019 at 5:26 pm

    Un argomento attuale e molto interessante,
    L’articolo mi e piaciuto, sia per il contenuto che per il modo. Sono un profondo credente nelle fonti rinnovabili unica vera sostenibilità.
    Sono possessore di 2 impianti fotovoltaici domestici, utilizzo il solare termico ed il riscaldamento con p.d.c..
    Mi piacerebbe rimanere aggiornato sul tema,.
    Complimenti e buona continuazione.
    Sandro.

  4. Vito Santamaria
    Posted marzo 23, 2019 at 3:33 pm

    Buongiorno a tutti gradirei partecipare alla sperimentazione della produzione domestica dell, ‘idrogeno Grazie!

  5. Alessandro Sanguineti
    Posted luglio 11, 2019 at 10:10 am

    Speriamo bene, qui in Italia non ne possiamo più di essere truffati continuamente, dallo stato, per poterci riscaldare, accise su accise tasse per danni da guerre passate,terremoti di cento anni fa ecc, + trasporto materia prima, gestione, contabilità, passi che fa un impiegato Delle società,+iva, se qualche società vuole usarmi come cavia, offro il tetto di casa mia, singola per impianti innovativi in italia, Appennino.

Rispondi a ritamir Cancel reply

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *