• Articolo Washington, 14 dicembre 2011
  • S. Chu: “Aumenteremo la nostra competitività nella global clean energy economy”

    Dal DOE, la manovra per lo stoccaggio dell’idrogeno

  • Il finanziamento di oltre 7 milioni di euro a 4 istituti di ricerca servirà a sviluppare materiali innovativi e tecniche di stoccaggio più sicure, capaci di ridurre anche i costi

(Rinnovabili.it) – Ammonta a più di 7 milioni di dollari il fondo che il Dipartimento dell’energia statunitense (DOE) metterà a disposizione per l’implementazione di 4 progetti sullo stoccaggio dell’idrogeno per i veicoli elettrici a celle a combustibile. Il finanziamento del DOE sarà così ripartito tra gli istituti di ricerca che se lo sono aggiudicato: 2,1 milioni di dollari al Pacific Northwest National Laboratory, a Washington; 1, 2 milioni di dollari agli HRL Laboratories e 2,1 milioni di dollari al Lawrence Berkeley National Laboratory, entrambi in California; 2 milioni di dollari, infine, all’Università dell’Oregon. La manovra del DOE è perfettamente in linea con l’impegno che gli Stati Uniti hanno intrapreso nella ricerca tecnologica avanzata sulle celle a combustibile, un impegno finalizzato ad aumentare la “fetta” dei veicoli elettrici sul mercato. L’obiettivo è quello di sviluppare materiali innovativi e serbatoi capaci di trasportare l’idrogeno in modo efficiente e sicuro, abbassando al contempo i costi e migliorando le prestazioni delle tecniche di stoccaggio. Uno stato più avanzato della ricerca potrebbe anche migliorare le applicazioni per lo stoccaggio dell’energia, attraverso un uso più efficiente delle risorse rinnovabili, come il sole o il vento. Il Ministro all’energia, Steven Chu, si è dichiarato convinto che investimenti mirati, come quello intrapreso, saranno strategici per accelerare e accrescere la competitività statunitense nell’economia globale dell’energia pulita.