• Articolo Galway, 15 febbraio 2018
  • Al via il progetto Seafuel

    Le Isole Aran testano auto a idrogeno rinnovabile

  • Un progetto dell’Università d’Irlanda punta a rendere le isole sostenibili e autosufficienti, producendo idrogeno da sole e acqua di mare

idrogeno

 

La mobilità a idrogeno riparte dalle isole

 

(Rinnovabili.it) – L’idrogeno prodotto da energie rinnovabili può diventare il carburante per i trasporti in luoghi remoti, come le isole. Ci ha scommesso 3,5 milioni l’Università di Iralnda, con sede a Galway, che nei prossimi 3 anni guiderà il progetto Seafuel sulle Isole Aran.

L’iniziativa prevede di testare una flotta di auto alimentate a idrogeno sulle isole irlandesi, a Madeira (Portogallo) e alle Canarie, dove verranno prodotti fino a 25 kg di idrogeno al giorno, sufficienti per alimentare 10 auto con una autonomia massima di 600 km. Un tentativo di promuovere e sostenere la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, mostrando come sia possibile alimentare le reti di trasporto locali utilizzando l’idrogeno. In particolare, il team vuole dimostrare la fattibilità di produrre, distribuire e utilizzare il gas generato dalle energie rinnovabili e dall’acqua di mare nelle zone atlantiche.

 

>> Leggi anche: Nuovo record di efficienza nella produzione di idrogeno da acqua e sole <<

 

Le aree insulari sono considerate un banco di prova interessante, visto l’alto costo delle forniture elettriche o di altri combustibili, e il progetto Seafuel intende offrire una risposta alla necessità di ridurre le importazioni spostando la produzione sul posto e utilizzando fonti sostenibili. Gli esperti dell’Università d’Irlanda lavoreranno fianco a fianco con un gruppo di partner internazionali attivi nel settore dell’energia solare ed eolica.

Il professor Pau Farràs, della School of Chemistry dell’Ateneo irlandese, coordinerà l’esperimento: “Seafuel propone un modo sostenibile per potenziare il trasporto locale in regioni isolate utilizzando risorse rinnovabili come sole, vento e acqua di mare – ha dichiarato – considerando l’intermittenza intrinseca di tali fonti energetiche”.

Il progetto mira a ridurre drasticamente le emissioni di gas serra, particolato e biossido di azoto e fornire un modello alle regioni isolate, così che possano replicarlo per diventare indipendenti dal punto di vista energetico.

Un Commento

  1. ritamir
    Posted febbraio 15, 2018 at 2:03 pm

    Non servirà solo alle isole, ma sarà una conquista per tutti, se il progetto avrà successo.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *