• Articolo Göteborg, 6 maggio 2019
  • Vattenfall punta sull’idrogeno sostenibile: al via lo sviluppo di una raffineria da 20 MW

  • Il colosso energetico ha stipulato un accordo con la raffineria Preem di Göteborg, in Svezia, per la produzione di H2 da elettrolisi.

idrogeno sostenibile vattenfall preem raffinerial’Idrogeno sostenibile (prodotto senza utilizzare fonti fossili) verrà reimpiegato per produrre biocarburanti e fornire energia elettrica

 

(Rinnovabili.it) – Vattenfall ha stipulato un accordo per produrre idrogeno sostenibile su scala industriale senza utilizzare carburanti fossili: l’azienda energetica ha ufficializzato la propria partnership con la raffineria svedese Preem. L’idrogeno verrà impiegato nella produzione di biocarburanti e come fonte di elettrificazione e approvvigionamento elettrico in Svezia.

 

Le due compagnie lavoreranno alla produzione d’idrogeno sostenibile tramite elettrolisi presso la raffineria Preem dell’isola Hisingen, nei pressi di Göteborg: l’obiettivo è quello di sviluppare un impianto da 20 MW ovvero la più potente raffineria elettrolitica d’Europa.

 

Attualmente, la maggior parte dell’idrogeno viene prodotto utilizzando risorse fossili, soprattutto gas naturale. Allo stesso tempo l’H2 è utilizzato quasi esclusivamente nella produzione di composti chimici e nell’industria, mentre resta una risorsa di nicchia nella produzione di carburante per i trasporti. Gli alti costi di produzione stanno rallentando l’imporsi dell’idrogeno come uno dei principali elementi su cui basare la decarbonizzazione del settore dei trasporti; di qui la scelta di Vattenfall di puntare sull’elettrolisi, processo relativamente economico ma ancora poco diffuso su larga scala.

 

>>Leggi anche Idrogeno: combustibile e vettore energetico. A che punto siamo?<<

 

La collaborazione con uno dei maggiori produttori energetici europei, dovrebbe permettere a Preem di raggiungere l’obiettivo dichiarato di 3 milioni di metri cubi di carburante rinnovabile entro il 2030, una quota che, insieme all’elettrificazione diretta, rappresenterebbe la maggior parte della riduzione delle emissioni di CO2 in Svezia.

Il Paese scandinavo, d’altra parte, ha fissato uno degli standard di contenimento delle emissioni più elevati di tutta l’Ue (-70% entro il 2030) e sta spingendo aziende di grandi e piccole dimensioni a trovare soluzioni energetiche alternative.

 

“L’idrogeno è una componente fondamentale nella nostra produzione di carburanti rinnovabili, tuttavia le forniture realizzate senza l’impiego di carburanti fossili sono ancora esigue– ha commentato l’amministratore delegato di Preem, Petter Holland – La partnership con Vattenfall ci consentirà di produrre idrogeno senza ricorrere alle energie fossili. Sfruttando l’elettrolisi aumenteremo la sostenibilità dei nostri carburanti di diversi punti percentuali. Il nuovo impianto di produzione massimizzerà la nostra capacità di rete che deve ancora essere espansa per raggiungere il suo pieno potenziale”.

 

>>Leggi anche Sfruttare la luce solare per estrarre idrogeno dalle acque reflue<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *