• Articolo Londra, 23 maggio 2018
  • Energia marina, le maree possono fornire 1/3 della domanda elettrica

  • Ma quasi il 90% del potenziale sfruttabile si trova nelle acque di soli 5 Paesi, tra cui Regno Unito e Francia

energia marina

Il progetto Tidal Lagoon Power della Gran Bretagna

 

Le potenzialità delle centrali a laguna nello sfruttamento dell’energia marina

(Rinnovabili.it) – Fino a un terzo del fabbisogno elettrico mondiale potrebbe essere soddisfatto grazie allo sfruttamento delle maree. Ma la strada per dar corpo a questo obiettivo è ancora tutta in salita. Il perché lo spiega un gruppo di esperti che ha valutato le potenzialità dell’energia marina e i progressi tecnologici compiuti in questo settore.

Nonostante la prima centrale elettrica mareomotrice sia stata realizzata nel 1966 – la bretone Rance, sull’estuario dell’omonimo fiume – ad oggi esistono nel mondo solo 5 impianti in funzione: oltre a quello francese, uno in Canada, uno in Russia, in Corea del Sud (il più grande al mondo per capacità installata) e uno in Cina. A queste strutture si aggiungono una serie di aree identificate come idonee per lo sfruttamento dell’energia marina, tra cui il Golfo del Mezen’ nel mar Bianco e il Golfo del Tugur nel mare di Ochotsk, per i quali il governo russo ha calcolato una potenza sfruttabile di, rispettivamente, 15 e 6,8 GW.

 

>>Leggi anche Energia da onde e maree: ecco i progressi europei<<

 

I ricercatori della School of Ocean Sciences, presso Bangor University (UK), hanno raccolto i piani attuali, le novità tecnologiche e le aree dotate di maggiore capacità per fornire una nuova e completa revisione delle risorse di energia marina a livello mondiale e le soluzioni ottimali per sfruttarle.

Gli esperti hanno calcolato che le centrali mareomotrici potrebbero generare teoricamente fino a 5792 TWh l’anno. Tuttavia il 90% della risorsa è distribuito in soli 5 paesi: Australia, Canada, Regno Unito, Francia e Stati Uniti (Alaska).

 

Il documento riflette anche sue come ottimizzare le cosiddette centrali a laguna che prevedono, per l’appunto, la costruzione lagune artificiali lungo le coste grazie a argini dove incorporare turbine idroelettriche bidirezionali. “Le centrali a laguna – spiega l’autore principale dell’analisi, il dottor Simon Neillstanno attirando l’attenzione nazionale e internazionale dopo la pubblicazione da parte del governo UK del documento “Hendry Review“, che ha valutato il caso economico di questi impianti e suggerito che il progetto “Pathfinder” a Swansea Bay possa essere solo l’inizio di un’industria globale”.

Tuttavia, la collega e co-autrice Sophie Ward mette in guardia “Anche se centrali a laguna saranno probabilmente meno invadenti delle dighe di marea (che tendono invece a coprire interi estuari), richiedono un’attenta progettazione e pianificazione per ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente locale […] è necessario monitorare attentamente le conseguenze ambientali dello sfruttamento dell’energia marina, essendo cauti nell’alterare gli habitat naturali con la costruzione di strutture e sbarramenti”.

 

 

Un Commento

  1. Pier Luigi Caffese
    Posted maggio 24, 2018 at 12:30 pm

    In Italia non abbiamo altezze di marea di 7-14 m. ma solo 0,30-0,50 metri tra laguna e stretto per cui parlare di lunar energy significa aggravare i costi dell’energia.Invece esiste il pompaggio acqua e marino che ci consente di produrre 3.000 TWh investendo solo 45 miliardi e non importando piu’ fossili.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *