• Articolo Bruxelles , 12 dicembre 2011
  • Un progetto europeo da 9 mln di euro

    MARINET, il progetto europeo per lo sviluppo dell’energia marina

  • Grazie ad un programma da 9 milioni di euro l’Europa finanzia lo sviluppo delle tecnologie per la produzione di energia dal mare

(Rinnovabili.it) – Una nuova iniziativa del valore di 9 milioni di euro finanziata dall’UE è stata organizzata per dare al settore delle energie rinnovabili marine una ulteriore spinta. Il MARINET (Marine renewables infrastructure network) darà alle aziende la possibilità di testare i propri progetti in centri specializzati per l’energia marina rinnovabile, presenti in tutta Europa. Condotto da ricercatori del Hydraulics and Maritime Research Centre (HMRC) presso la University College Cork in Irlanda, il progetto, finanziato nell’ambito del Settimo programma quadro dell’UE (7 °PQ), permetterà alle imprese di effettuare test di energia rinnovabile in questi centri senza alcun costo aggiuntivo.

Il progetto MARINET, che invita gli interessati a presentare le proposte entro questo mese, sarà attivo fino al 2015 e consentirà di eliminare alcune delle barriere finanziarie che a volte limitano e rendono complesso l‘accesso alle strutture di prova europee.

Grazie al progetto aziende e gruppi di ricerca avranno accesso anche alle strutture fuori del proprio paese, mentre i test si concentreranno su concept e dispositivi in settori come l‘energia del moto ondoso, dalle maree, l’energia eolica offshore e l’ambiente. Attualmente i dispositivi di conversione sono ancora allo stadio pre-commerciale di sviluppo e hanno quindi bisogno che la ricerca continui ad evolvere per trovare soluzioni sempre più convenienti. Lo scopo di questo progetto è inoltre coordinare la ricerca e sviluppo a tutti i livelli (dai modelli di piccola scala fino al prototipo, dal laboratorio fino ai test in mare aperto), per consentire l’accesso ai ricercatori e agli sviluppatori a strutture che non sono universalmente disponibili in Europa. La rete MARINET è infatti composta da 42 impianti di prova a 28 centri di ricerca in 11 paesi europei e in Brasile. Mettendo in relazione queste installazioni di prova dedicate all‘energia marina ed utilizzando un framework di testing concordato, questa iniziativa offre ora un percorso chiaro per la commercializzazione permettendo agli utenti di progredire e migliorare i propri dispositivi attraverso ogni fase di test.