• Articolo Parigi, 16 novembre 2018
  • Ouessant, l’isola francese che si accende grazie al mare

  • Torna in acqua la turbina marina D10, la prima ad essere installata sui fondali francesi

Ouessant

 

Il 15% del fabbisogno dell’isola Ouessant sarà coperto da una sola turbina marina

(Rinnovabili.it) – D10, la prima turbina marina sommersa della Francia tocca finalmente l’acqua. Obiettivo? Produrre energia elettrica con cui alimentare l’isola bretone di Ouessant, situata a 20 km dalle coste del Finistère. Il progetto era stato interrotto ad aprile 2016 in seguito alla scoperta di un guasto al cavo elettrico sottomarino, durante le operazioni di installazione. In questi due anni la macchina è stata riparata e migliorata, raddoppiando l’efficienza di conversione, e oggi è ben posizionata a 55 metri dalla superficie marina, sui fondali del Passaggio di Fromveur. Questo tratto di mare è famoso per essere attraversato da correnti molto violente, che possono raggiungere facilmente i 9 nodi. Per Sabella, la società produttrice della turbina marina, si tratta del luogo ideale dove sperimentarne l’efficienza. I test nelle acque francesi dureranno, infatti, tre anni e permetteranno all’azienda di espandere i propri piani, aumentando la dimensione delle macchine.

 

Attualmente l’unità misura 10 metri di diametro e possiede una potenza di 1 MW; il suo compito è quello di trasformare l’energia cinetica delle correnti in elettricità, inviandola sull’isola dove sarà accumulata in un sistema di storage realizzato ad hoc. L’integrazione fra i due impianti permette di coprire al meglio il consumo delle famiglie di Ouessant, assicurando loro fino al 15% del fabbisogno elettrico (prima delle migliorie la percentuale sui consumi coperta da D10 era di appena il 5%). “A Ouessant, presto dovremo incollare le carte delle maree sulle nostre lavatrici”, scherza il sindaco dell’isola Denis Palluel intervistato da Euractiv.com“Vogliamo aprire la strada a una completa transizione energetica per ridurre considerevolmente la carbonizzazione dell’isola, trasformando Ouessant in una vetrina per le tecnologie francesi”.

 

Il sistema energetico verrà replicato nel 2021, sempre nel passaggio di Fromveur: la società intende installare due turbine marine D12 accoppiandole anche in questo caso con sistemi di accumulo. Nello stesso periodo dovrebbe completare l’installazione di tre unità D15 nello stretto di San Bernardino, nelle filippine, per rifornire elettricamente i 15.000 abitanti dell’isola di Capul.

 

>>Leggi anche Flotec: 12 mesi di energia continua per la turbina che sfrutta le maree<<

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *