• Articolo Edimburgo, 24 ottobre 2011
  • Un fondo dedicato alle FER del valore di 35 mln di sterline

    Scozia: 18 mln per onde e maree

  • Per mantenere la leadership mondiale la Scozia ha annunciato un nuovo fondo per lo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione di energia sfruttando il moto marino

(Rinnovabili.it) – Un settore altamente sfruttato quello marino scozzese, che sta vedendo crescere gli investimenti economici nel comparto con l’obiettivo di ottenere un quantitativo sempre maggiore di energia elettrica prodotta sfruttando fonti energetiche rinnovabili, in questo caso le onde e le maree.

Grazie ad un aumento degli investimenti, ha annunciato il primo ministro Alex Salmond, sarà possibile commercializzare al più presto una quota maggiore di energia green.  Sabato scorso Salmond ha presentato un fondo da 18 milioni di sterline destinato allo sviluppo delle tecnologie per lo sfruttamento del moto marino, fondo facente parte di una più ampia manovra energetica del valore di 35 milioni, nata per sostenere lo sviluppo delle tecnologie legate alle FER.  Annunciando il fondo Salmond ha ribadito l’ambizione di voler mantenere la Scozia in  pole position nel mercato globale delle onde e delle maree. “Sappiamo che le acque della Scozia possiedono una forza impressionante e c’è abbastanza energia nelle onde e nelle maree scozzesi da soddisfare le nostre richieste di energia e superarle” ha commentato aggiungendo che il paese potrebbe potenzialmente fornire il 25 per cento dell’energia europea sfruttando le maree e il 10 per cento della sua potenza utilizzando le onde. “Questo fondo avrà un ruolo fondamentale nel sostenere le industrie che si stanno muovendo verso questo obiettivo, aiutandole a sviluppare il loro prototipi di dispositivi in ​​una modalità commercialmente valida”. Insieme alle tecnologie verranno adattate anche le infrastrutture, in modo che si possa garantire una fornitura energetica efficiente e funzionale con la speranza di riuscire a creare almeno mille nuovi posti di lavoro nel comparto sfruttando un fondo aggiuntivo di 2 milioni di sterline riservato alla formazione di personale qualificato e specializzato.