• Articolo Boulder, 25 ottobre 2012
  • Un nuovo studio della Pike Research

    Accumulo energetico in rete, un business da 30 mld di dollari

  • Grazie all’avanzamento tecnologico sono numerosi i sistemi di accumulo energetico a disposizione dei gestori, abbondanza che determinerà una crescita esponenziale del valore annuo di mercato degli ESG

(Rinnovabili.it) – Lo stoccaggio di energia in rete supererà il valore di mercato di 30 miliardi di dollari entro il 2022.

I progressi della prossima generazione di sistemi di pompaggio, di stoccaggio di energetico ad aria compressa e le batterie prodotte con materiali e tecnologie avanzate hanno moltiplicato le opzioni disponibili per lo stoccaggio dell’energia in rete (ESG) mentre, al contempo, sono in aumento le domande di ESG.

Rapidi cambiamenti nei mix energetici nazionali  e soluzioni di carico sempre più volatili sfideranno i gestori di rete a trovare metodologie che rendano la fornitura di energia sicura e affidabile stimolando ulteriormente la richiesta di sistemi di accumulo energetico.

 

Secondo un recente rapporto di Pike Researc, intitolato “Energy Storage sul Grid” , il mercato per lo stoccaggio di energia sulla rete, partendo da una base molto bassa registrata nel 2012, supererà i 30 miliardi di dollari di valore annuale entro il 2022 portando la capacità totale dei sistemi ESG in tutto il mondo a raggiungere i 56mila MW entro il 2022.

“Una delle principali sfide per l’immagazzinamento di energia consisteranno nell’offrire soluzioni economiche per questi problemi di stabilità della griglia”, ha dichiarato l’analista Anissa Dehamna. “Le strutture di mercato ancora devono recuperare il ritardo con il mercato nel riconoscere il valore dello stoccaggio di energia per i gestori di rete e i consumatori di energia. Allo stesso tempo, l’industria deve risolvere i problemi relativi ai modelli di business e alla catena di fornitura, al fine di scalare con successo e commercializzare queste tecnologie emergenti. “