• Articolo Milano, 11 ottobre 2011
  • La Fondazione Polimi è partner scientifico del progetto

    AlpEnergy sperimenta “sistemi energetici virtuali”

  • Il 24 ottobre a Milano saranno presentati i risultati del progetto europeo di cooperazione territoriale

(Rinnovabili.it) – Smart Grid e rinnovabili, come conciliare le esigenze di fornitori, consumatori e produttori, attraverso nuovi e migliori approcci? A questa domanda sta tentando di rispondere AlpEnergy, progetto europeo di cooperazione territoriale creato per eliminare le disuguaglianze nell’accesso alle fonti energetiche verdi. AlpEnergy, finanziato dal Programma Spazio Alpino 2007-2013, riunisce produttori di energia, agenzie di sviluppo, istituti di ricerca e amministrazioni locali di Francia, Germania, Italia, Slovenia e Svizzera per affrontare la centrale questione della fornitura di energia rinnovabile.  Lo strumento chiave con cui il progetto vuole rispondere al problema sono i Virtual Power Systems (VPS) soluzioni in grado di combinare la tecnologia ICT, con un’intelligente gestione del carico, dello stoccaggio e della domanda energetica. Si legge nel sito web del progetto:

“Agli operatori del settore viene chiesto di gestire parti sempre più crescenti di energia elettrica rinnovabile nelle loro reti, comprese quelle che provengono da fonti fluttuanti, come l’energia eolica o dalle centrali fotovoltaiche. Questo complica la gestione dell’acquisto/vendita di energia elettrica in eccesso, in relazione alla domanda. L’energia prodotta non può essere immagazzinata, la generazione e il consumo devono essere infatti simultanei. Vi è quindi la necessità di un’amministrazione energetica intelligente, che coordini i diversi impianti, in modo tale che le richieste di aumento di produzione siano controllate e coordinate. Il sistema sviluppato con i VPS, consentirà a diversi impianti intermittenti una maggiore produzione di energia rinnovabile, secondo le necessità del sistema”.

I ricercatori coinvolti, tra cui quelli della Fondazione Politecnico di Milano, provvederanno ad effettuare analisi e modeling, la progettazione e lo sviluppo, dimostrazioni e test, la valutazione e il trasferimento di nuovi sistemi di alimentazione virtuale in sei aree dello spazio alpino: la regione Allgäu in Baviera (Germania), la Provincia di Mantova (Italia), la Provincia di Belluno (Italia), la Regione Autonoma Valle d’Aosta (Italia), l’area montuosa di Belledonne nella regione Rhône – Alpes (Francia) e la regione Gorenjske (Slovenia). Per conoscere i risultati e le proposte di AlpEnergy, il PoliMi ha organizzato per il 24 ottobre un convegno dal titolo Virtual Power Systems: nuovi approcci alla gestione delle fonti energetiche, occasione per fornire nuove opportunità ai cittadini e alle imprese, e discutere più ampiamente del futuro del settore energetico in Italia. Nella mattinata di martedì 25 ottobre 2011, a seguito della conferenza di Milano, si terrà una visita al sistema implementato in Valle d’Aosta dove sarà presentata la logica di funzionamento del sistema VPS sperimentato presso il villaggio alpino di Saint-Denis.