• Articolo Bolzano, 2 luglio 2012
  • Primiero Green Way inaugura il teleriscaldamento a biomassa legnosa

  • Dopo due anni di lavori, è stato attivato ufficialmente l’impianto di Teleriscaldamento a biomassa di Primiero

Con una potenza complessiva di 25,5 GW, sviluppata quasi esclusivamente da caldaie a biomassa legnosa, l’impianto fornirà energia termica (calore) agli edifici del fondovalle di Primiero (Siror, Tonadico, Transacqua, Fiera di Primiero, Mezzano ed Imer) lungo una rete di tubazioni di circa 30 chilometri. Il risultato ambientale per il territorio si traduce in un risparmio di 4,7 milioni di litri di gasolio all’anno e notevoli miglioramenti nelle emissioni in atmosfera. Il risultato sociale si concretizza in un risparmio per i cittadini ed un servizio versatile e di qualità.
Il progetto, si colloca tra gli obiettivi che il Primiero si è dato per diventare una valle sempre più indipendente dal petrolio ed un territorio fortemente orientato all’ambiente ed alla sostenibilità, connotazione questa, che sta alla base dell’immagine turistica che il territorio vuole dare di sé. “Primiero Green Way” è infatti il nuovo marchio, lo strumento operativo ed il contenitore concettuale condiviso dai maggiori enti ed attori locali che racchiude questo progetto e tanti altri che in futuro lo affiancheranno con l’obiettivo di far del Primiero-Vanoi un territorio di eccellenza nel campo ambientale, dell’energia rinnovabile e della sostenibilità.
L’impianto di teleriscaldamento di Primiero è il più grande impianto a biomassa del Trentino e, unitamente alla produzione termica, vanta anche una produzione di energia elettrica ottenuta mediante cogenerazione (produzione combinata di calore ed energia) di circa 5 milioni di chilowattora annui. L’idea progettuale e la sua concretizzazione è stata coordinata e gestita da ACSM S.p.A. l’ex municipalizzata che vanta una centenaria esperienza nel campo dell’energia e dei servizi.

L’opera è stata effettuata per tramite della società Ecotermica Primiero mediante una gara per la scelta di un socio d’opera individuato in una ATI composta da Atzwanger S.p.A. di Bolzano, Consorzio Cooperative Costruzioni (CCC) di Bologna e Consorzio Lavoro Ambiente (CLA) di Trento. Tale socio d’opera resterà nella società nei primi anni di avviamento per poi uscire e cedere l’intera partecipazione ad ACSM S.p.A.
L’impianto, sin dal suo primo avvio ha trovato un grande riscontro nella comunità locale testimoniato dagli oltre 900 contratti di fornitura di calore già sottoscritti. Contestualmente alla posa della rete di tubazioni, in collaborazione con i Comuni locali sono stati migliorati e razionalizzati alcuni tratti di sottoservizi già esistenti (acquedotti, fognature, linee elettriche ecc.) ed in particolare, grazie ad uno specifico accordo con Trentino Network, lungo tutta la rete sono stati posati cavidotti destinati ad ospitare la fibra ottica sulla quale fondare un moderno ed affidabile servizio telematico per il territorio.
Si dichiara soddisfatto Angelo Cazzetta, il Presidente della società titolare dell’impianto, Ecotermica Primiero S.p.A., associato FIPER: “in piena sintonia con gli indirizzi e direttive provinciali, nazionali ed europee (obiettivo 20-20-20 in primis) cogliendo le opportunità degli incentivi in campo e ribadendo gli scopi economico/sociali ed ambientali del progetto, ebbene siamo riusciti a concretizzare e consegnare al territorio questo importante progetto”.
Vive congratulazioni da parte del presidente FIPER, Walter Righini che ricorda:” in Italia 801 comuni potrebbero essere riscaldati come Primiero e diventare autonomi dal petrolio!”