• Articolo Roma, 11 ottobre 2018
  • Solare a concentrazione: l’innovazione si chiama “ST2G” ed e’ firmata CNR

  • Potenzialmente, questa tecnologia potrebbe raggiungere un’efficienza di conversione superiore al 40%

Solare a concentrazione: l'innovazione si chiama “ST2G” ed è firmata CNR

 

L’evoluzione del solare a concentrazione

(Rinnovabili.it) – Le ultime novità in materia di solare a concentrazione? Arrivano dall’Italia e più precisamente dal CNR. I ricercatori del DiaTHEMA Lab dell’Istituto di Struttura della Materia (Ism) in collaborazione con i colleghi dell’Istituto di scienza e tecnologia dei materiali ceramici (Istec) e dell’Università di Tel Aviv, hanno realizzato un innovativo modulo di conversione che si presta a fornire una valida soluzione alternativa ai convenzionali meccanismi utilizzati nei sistemi solari a concentrazione.

Battezzato con il nome di ST2G (Solar Thermionic-Thermoelectric Generator), il modulo si basa su un convertitore a stato solido che lavora a temperature fino a 1000° C e sfrutta un doppio stadio di conversione: uno termoelettrico e uno termoionico, collegati termicamente in serie. Il primo sfrutta la conversione diretta di una differenza di temperatura in tensione elettrica e viceversa e il secondo si affida all’emissione, indotta termicamente, di particelle cariche dalla superficie di un metallo.

 

>>Leggi anche Batteria di flusso solare, il fotovoltaico si fonde con l’accumulo<<

 

Potenzialmente, questa tecnologia potrebbe raggiungere un’efficienza di conversione superiore al 40%, producendo anche energia termica da sfruttare tramite cogenerazione. L’invenzione in sé ha alcuni anni di lavoro alle spalle, ma il team ha oggi realizzato primo prototipo progettato e fabbricato sviluppando materiali avanzati, funzionalizzati per questa applicazione.

I moduli di conversione sviluppati combinano i vantaggi della tecnologia fotovoltaica, la cui applicazione nel solare a concentrazione si è rivelata limitante a causa dell’elevato flusso di energia, e il solare termodinamico, operante mediante un fluido ad alta temperatura che alimenta specifici motori, caratterizzati da efficienza elevata ma anche da costo elevato e ridotta scalabilità”, si legge nella nota stampa. “La tecnologia proposta dal Cnr-Ism e Istec consente di sfruttare i vantaggi di entrambe le tecnologie: l’assenza di elementi meccanici in movimento, elevata efficienza di conversione, elevata temperatura operativa, compatibilità con lo storage di energia termica, cogenerazione e scalabilità”.

I risultati del lavoro sono stati pubblicati su Advanced Energy Materials.

3 Commenti

  1. Enrico Gulisano
    Posted ottobre 12, 2018 at 8:53 am

    Sono molto interessato ad ulteriori informazioni tecniche ed economiche grazie

  2. Ivonio susca
    Posted ottobre 12, 2018 at 12:42 pm

    Desidero

  3. Ivonio susca
    Posted ottobre 12, 2018 at 12:43 pm

    Sono molto interessato

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *