• Articolo Stoccolma, 22 dicembre 2014
  • Primi passi concreti per il programma di decommissionig

    Svezia: raddoppia la tassa sui rifiuti per gli operatori del nucleare

  • L’industria nucleare svedese dovrà pagare 0,04 corone per chilowattora negli anni 2015-2017, rispetto alle 0,022 corone di oggi

Svezia: raddoppia la tassa sui rifiuti per gli operatori del nucleare(Rinnovabili.it) – La storia del nucleare svedese ha affrontato alti e bassi. Nonostante il paese si sia impegnato formalmente a incrementare la quota rinnovabile nel suo mix energetico al 50% entro la fine di questo decennio, l’energia dell’atomo non sembra un‘opzione a cui Stoccolma intenda rinunciare facilmente Secondo il risultato del referendum del lontano 1980, tutte le centrali nucleari svedesi avrebbero dovuto essere chiuse entro il 2010, ma ad oggi la situazione è pressoché rimasta inalterata e solo due impianti sono stati dismessi. In questo contesto di quasi assoluto immobilismo le scorie radioattive costituiscono un problema non da poco, soprattutto visto i lati deboli mostrati dal nuovo piano rifiuti della Nazione. Ecco perché il governo svedese ha deciso di raddoppiare le tasse a carico degli operatori delle centrali e canalizzare i proventi nel fondo scorie nucleari, al fine di supportare l’aumento dei costi di smantellamento.

 

Avevamo riportato la notizia, quando era ancora un’ipotesi, all’inizio di ottobre, data in cui il partito ambientalista aveva avanzato la proposta. Forti del nuovo consenso ottenuti i Verdi svedesi sono infatti pronti – nuove elezioni permettendo – a rilanciare un forte programma di decommissionig, fatto norme di sicurezza più stringenti e fiscalità più incisiva. Cosa significherebbe tutto ciò nella pratica? Che l’industria “atomica” svedese dovrà pagare 0,04 corone (0,0042 euro) per chilowattora negli anni 2015-2017, rispetto alle 0,022 corone di oggi. “L’energia nucleare deve poter sostenere le proprie spese e la decisione del governo di aumentare la quota sui rifiuti nucleari lo renderà possibile”, ha spiegato il ministro svedese dell’ambiente e dei cambiamenti climatici, Asa Romson. Ricordiamo che ad oggi sul territorio l’energia nucleare è tassata, sulla base della capacità di produzione del reattore, con circa 1200 euro per MW della potenza autorizzata mensilmente. L’industria ha prontamente fatto sapere che una combinazione di aumento delle tasse e dei costi aggiuntivi per le nuove misure di sicurezza potrebbe portare alla precoce chiusura di vecchi impianti, e quindi a prezzi energetici potenzialmente più elevati.

2 Commenti

  1. ...
    Posted dicembre 27, 2014 at 3:02 pm

    Casomai 4 corone e non 0,04 corone. Infatti 4 corone sono 0,42 euro

    • Roberto sozzi
      Posted aprile 23, 2016 at 3:44 pm

      Guarda che è per chilowattora…da noi costa intorno a 0,17 euro…ovvio che la tassa sia di 4 millesimi di euro ( poi è solo la tassa per lo smaltimento delle scorie e rifiuti,va aggiunta alla tassa di produzione di 0,12 centesimi per chilowattora )

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo Email non verra' mai pubblicato e/o condiviso. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*
*

Puoi usare questi HTML tag e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Current ye@r *